Modena: tutti i candidati sindaco al tavolo del pride e i cattolici si preparano alla processione riparatoria

Mentre tutti gli aspiranti sindaco, compreso il candidato della Lega-centrodestra, si siedono al tavolo del Modena Pride (che usa il rosone del duomo in una blasfema versione arcobaleno come simbolo), i cattolici modenesi si preparano a scendere in strada per dare luogo – il 1° giugno – ad una imponente processione di riparazione, come già due anni fa a Reggio Emilia. Di seguito uno dei video di quella giornata:

In un recente comunicato, il Comitato promotore “San Geminiano Vescovo” faceva giustamente notare:

Sappiamo che molte persone trovano di cattivo gusto ed offensivo per la religione il c.d. “Modena-Pride”, e magari vorrebbero partecipare ma hanno paura di farlo. Il diktat omosessualista, infatti – sostenuto dai salotti radical-chic di quel centro sinistra che ha distrutto il nostro paese – attraverso il pensiero unico dominante si muove per la caccia alle streghe contro chiunque provi a mettere in discussione quell’assurdità quale è la richiesta di “diritti” contrari ad ogni legge naturale.

Ora che anche il candidato non di “centro sinistra” si è accomodato sotto la blasfema insegna del rosone arcobaleno, si è costretti a constatare che il problema non è limitato ai salotti radical-chic.

Particolarmente indigeste, in questo contesto, risultano proprio le dichiarazioni di Prampolini (Lega-centrodestra). Alla domanda sull’adozione di una coppia lesbica, ha risposto:

Posso dire quello che penso adesso, non quello che pensavo 30 anni fa quando i problemi erano leggermente diversi: penso che se si va verso l’ADOZIONE dell’altro GENITORE non vedo delle problematiche particolari, se devo essere sincero.

Speriamo in una potente correzione di rotta nelle prossime ore.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.