Sangue di S.Gennaro. Si ripete il miracolo di maggio.

Anche quest’anno, alle 18:01, nella Cattedrale di Napoli, si è ripetuto il “miracolo di maggio”, la prodigiosa liquefazione del sangue di san Gennaro, patrono principale della Città e Regno di Napoli, in occasione della festa della traslazione delle sue reliquie.

Il miracolo avviene tre volte l’anno: il 19 settembre, giorno del martirio del Santo Vescovo che fu decapitato al tempo della persecuzione di Diocleziano; il sabato precedente la prima domenica di maggio, festa della Traslazione delle reliquie da Pozzuoli, luogo del martirio, alle catacombe di Napoli; e il il 16 dicembre, festa del Patrocinio di san Gennaro, in memoria della eruzione del Vesuvio del 1613 fermata dall’intercessione del Santo.

Il Cardinale Schuster così commenta il miracolo: «Si espone l’ampolla del sangue insieme col capo del Martire e dopo uno spazio più o meno lungo di preghiera, il sangue comincia a liquefarsi, aumentando il volume, come se fosse allora in ebollizione […] Dio vuol mostrare al suo popolo di Napoli, che il sangue del loro gran Patrono – “æterno flori” come là lo chiamano nell’antica iscrizione sepolcrale – è sempre rubicondo e vivo al cospetto del Signore perché nell’eternità e in Dio non esiste passato, ma tutto è presente e in vita a lui dinnanzi. Il martirio del glorioso Vescovo protegge continuamente la bella e cara città di Partenope, così ricca in genio dei suoi figli, come i fiori magnifici di santità» (Liber Sacramentorum, Torino.Roma, 1932, vol. VIII, p. 262 ).

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.