Trump attacca la nuova legislazione sull’aborto dell’Alabama «È troppo restrittiva!»

di Lorenzo Nicola Roselli

Ieri con alcuni twitt, il presidente statunitense Donald Trump si è finalmente espresso sulle recenti normative in materia d’aborto appena approvate in Alabama.

Come i più sanno (o saranno curiosi di sapere) sono fortemente pro-life, salvo tre casi: stupro, incesto e pericolo per la vita della madre. La stessa posizione di Ronald Reagan. Per la vita abbiamo fatto grandi passi con 105 nuovi Giudici Federali. Sulla questione dobbiamo evitare si dividerci, perché la Sinistra Radicale sull’aborto tardivo sta facendo battaglia. Per vincere dobbiamo essere uniti per la vita nel 2020.

Per Trump sull’aborto bisogna essere “uniti” o, per essere più precisi, non oltrepassare i limiti della sua discutibilissima visione dell’essere pro-life. A quanto pare il governo dell’Alabama si trova sempre più solo nella sua battaglia di civiltà.

2 Commenti a "Trump attacca la nuova legislazione sull’aborto dell’Alabama «È troppo restrittiva!»"

  1. #Antonio Diano   22 Maggio 2019 at 5:18 pm

    Come già detto anche qui, le tre “eccezioni” (non sapevo, oltre ai pericoli per la madre, che l’Alabama avesse contemplato le altre due) dimostrano che, al di là della gioia per una legge sostanzialmente buona, la dottrina cattolica non sta precisamente alla base della legge stessa. I cattolici sanno (o dovrebbero sapere) che l’aborto procurato è un peccato che non ammette, come tali, “eccezioni”, neanche in casi orribili come, soprattutto, stupro e incesto: si tratta di perbenismi (emotivamente più che comprensibili, s’intenda bene!!) che non tengono conto dei diritti di Dio e del nascituro e si muovono in ottica femminile e sociale, alla pro life da spaghetti-cons.
    Trump ogni tanto ne spara di assurde…
    E’ noto che il Magistero ha già condannato le “eccezioni”: è ammesso curare la madre e l’eventuale morte del feto ne sarebbe solo una conseguenza, non ricercata e non voluta. Ma anche negli altri due casi l’innocente non può pagare colpe altrui, e soprattutto c’è la legge di Dio, che è superiore a qualsiasi dramma umano, anche il più orrendo.

    Rispondi
  2. #Rebecca de Broglie   23 Maggio 2019 at 8:56 am

    La dichiarazione di Trump è un semplice tattico per riaprire Roe vs Wade, davanti a una corte suprema di maggioranza conservatrice.

    Rispondi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.