Bergoglio & (conservative) friends. Voci, insistenti, di scisma?

Già a settembre 2018 su L’Indro si titolava: Chiesa cattolica: uno scisma alle porte?

Ancora nell’ottobre dell’anno scorso sul Daily Beast si diceva: Insiders say Francis’s church is one step away from a schism (persone bene informate dicono esserci lo scisma a un passo).

A novembre secondo The Australian, alcuni pensavano: there is a real chance of a schism, especially in the North American Catholic Church (reale possibilità di scisma, specialmente in Nord America).

Il 15 maggio 2019, persino in riferimento alla bravata del cardinale elemosiniere, si tirava in ballo il tema dello scisma. Titolava Avvenire: Malumori, dubbi detti e rinnegati con “scisma” senza lume di ragione.

Su Corrispondenza Romana, Roberto de Mattei, all’indomani della visita di Bergoglio ad Abu Dhabi: “Il più terribile scisma che il mondo abbia mai visto

M. Mosenbach, celebre scrittore tedesco, ha detto qualche giorno fa a Lifesitenews: “Mi sembra che sia ormai necessario aprire un ampio dibattito sulla questione riguardante cosa è cattolico e cosa non lo è. Il risultato potrebbe essere drammatico – uno scisma – poiché la fazione progressista è molto forte, ma la piccola ala tradizionalista, se vuole rimanere fedele ai suoi principi, non può più fare alcuna concessione”. (traduzione di Chiesa e post-concilio).

E l’elenco potrebbe essere rimpolpato.

Si va davvero verso uno scisma tra i modernisti conservatori che vogliono Assisi ’86 e 2011 ma non Abu Dhabi, che accettano la comunione per Fr. Roger ma non per il divorziato rispostato della porta accanto, e il nuovo Padre Nostro (se lo vara Ratzinger, ma non se lo applica Bergoglio)? Difficile dirlo, ma l’aria si fa frizzante e in distanza si sente una musica… amazzonica.

5 Commenti a "Bergoglio & (conservative) friends. Voci, insistenti, di scisma?"

  1. #Paolo O.   19 Giugno 2019 at 11:53 am

    Sai cosa…. che se fai un confronto generale tra Bergoglio e i 2 precedenti c’è comunque un abisso.
    G.P. II ha accettato Assisi ’86, ma nel 2000 ha fatto pubblicare a Ratzinger la Dominus Jesus.
    Lo stesso B XVI dichiarava tranquillamente che la Verità è Cristo (dall’omelia pro eligendo agli scritti da emerito http://www.kath.net/news/48020 )

    Non so cosa sia giusto, io sono nato dopo, ma vedo la differenza, ed ne è tanta.
    Ho capito anche io che i problemi stanno a monte, con alcuni doc del Concilio (non vi seguirei) e G.P. II e B XVI sono a loro volta distanti da Pio XII o Pio X etc, ma uno che deve fare?

    Rispondi
    • #jeannedarc   19 Giugno 2019 at 11:55 am

      seguire la Verità. ^_^

      Rispondi
    • #jeannedarc   19 Giugno 2019 at 2:38 pm

      La Dominus Jesus è una grande bolla. Che contiene l’errore del “subsistit in”, dunque da evitare accuratamente.

      Rispondi
  2. #angela   19 Giugno 2019 at 2:15 pm

    Se fosse che fosse scisma, Dio sia benedetto, ma ci sarà qualche vescovo che ne avrà il coraggio? Anche lui dubita. Quanto a Paolo: protestanti da Montini certamente, oggi pagani. Con il duetto eretico del papato.

    Rispondi
  3. #Antonio   19 Giugno 2019 at 11:35 pm

    Modernisti sono e modernisti rimangono, anche se amano indossare le greccie e le paonazze..

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.