Comunicato Stampa n° 3 del Comitato San Filippo Neri

Alla cortese attenzione delle redazioni interessate.

Il Comitato San Filippo Neri, in vista dell’appuntamento previsto per sabato 8 giugno alle ore 11:00 a Porta Pia, ci tiene a dare ulteriori chiarimenti a riguardo della nostra iniziativa di pubblica preghiera di riparazione.

1. Cosa accadrà sabato 8 giugno giugno?
Sabato 8 giugno la Città Santa di Roma verrà oltraggiata per l’ennesima volta dal “Roma Pride”, un evento che pretende di fare pubblica apologia non solo della sodomia (quindi di un peccato tra i più gravi), ma di una visione completamente erronea del corpo, della società e di Dio a cui si aggiungono le oscenità e le blasfemie che caratterizzano questo evento. La necessità di riparare appare più che ovvia e corrisponde innanzitutto ad un atto di giustizia.

2. La vostra è una manifestazione politica?
No, la recita del Santo Rosario non è altro che una preghiera tradizionale trasmessa dalla Madonna a San Domenico e che da sempre è cara ai cattolici. Il Comitato S. Filippo Neri non è un movimento politico: saranno pertanto vietati tutti i simboli politici in quanto inopportuni e incompatibili con una pubblica preghiera di riparazione.

3. Qual è la posizione del comitato nei confronti delle persone omosessuali?
E’ la medesima che ha sempre avuto la Chiesa. Qualunque persona con tendenze omosessuali può essere accolta e invitata a vivere cristianamente, esattamente come qualunque altro laico che intende avvicinarsi alla Santa Chiesa. Il peccato di sodomia, come tutti i peccati vietati dai 10 comandamenti, va invece giustamente condannato. E’ semplicemente falso che la Chiesa in passato non ha accolto gli omosessuali ed è invece vero che oggi molti pastori non lo fanno rifiutandosi di insegnare loro il Catechismo e di spingerli a cambiare vita. Lasciare nel peccato le persone, omosessuali e non, è un grave errore dei nostri tempi…in piena antitesi alla vera misericordia che oggi è ridotta a poco più che uno slogan.

4. Intendete fermare il Roma Pride?
No, intendiamo pregare per riparare le offese che Nostro Signore Gesù Cristo subirà ingiustamente durante la parata omosessualista, ma anche lo scandalo che arrecherà alle anime dei semplici, scandalo che sarebbe aggravato se vi fosse il silenzio complice dei cattolici.

5. Per quale motivo avete spedito una copia di “Sodoma Distrutta” al Circolo Mario Mieli?
Sarebbe più semplice disinteressarsi della sorte eterna dei nemici di Gesù e della Chiesa. Sarebbe più facile anche il pensare ai fatti propri e non preoccuparsi del fatto che Gesù Cristo nostro Signore e Re venga pubblicamente offeso e irriso…ma ne varrebbe la pena?Nostro Signore Gesù Cristo ci ha comandato espressamente di amarLo sopra ogni altra cosa e di amare il prossimo per amore Suo. Tra le opere di misericordia spirituale vi è la correzione dei peccatori e l’istruzione degli ignoranti. Nonostante il vittimismo dei circoli Lgbt, i cattolici vogliono il loro vero bene e pregano perché abbandonino le loro perversioni. Le buone letture, come quella data loro in dono, possono essere un mezzo usato dalla Grazia per donare loro la possibilità di ravvedersi e cambiare vita.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.