Il breve di Sant’Antonio di Padova per scacciare i demoni

Il breve indulgenziato da Leone XIII

Orgini del “brevetto” di sant’Antonio di Padova (da preghiamo.it)

La tradizione popolare tramanda questa breve preghiera che si dice sant’Antonio avrebbe insegnato ad una donna della città portoghese di Santaren, apparendole in sogno e presentandole la breve preghiera – nota anche come motto di sant’Antonio – scritta su un foglietto.

Le condizioni della donna, presentata come vittima di vessazioni demoniache, conferiscono a questa preghiera il marchio di un esorcismo. Queste le parole che la tradizione riferisce siano state di sant’Antonio: «Destati, o donna, e custodisci questa preghiera che ti dono, la quale ti libererà da ogni vessazione diabolica». Anche noi possiamo usare questa breve preghiera, in latino o in italiano, per aiutarci a superare le vessazioni e le tentazioni che sono presenti nella nostra vita.

Con l’appoggio dell’ordine francescano la preghiera si diffuse rapidamente, spesso vergata su foglietti che imitavano le fattezze dell’originale. Al successo della preghieracontribuì papa Sisto V (1585-1590), francescano, che ne fece scolpire una versione sulla base dell’obelisco fatto erigere in Piazza San Pietro a Roma, ancora oggi visibile.

Ecce Crucem Domini,
fugite partes adversae,
vicit Leo de tribu Iuda,
Radix David! Alleluia, alleluia!

Ecco la Croce del Signore,
fuggite parti avverse,
Ha vinto il Leone della tribù di Giuda,
la Radice di Davide! Alleluia, alleluia!

2 Commenti a "Il breve di Sant’Antonio di Padova per scacciare i demoni"

  1. Pingback: Il breve di Sant’Antonio di Padova per scacciare i demoni – Blog di Scrillo

  2. #Igor   15 Giugno 2019 at 6:57 pm

    Vorrei sapere dove poter trovare il medaglione del brevetto… Ne ho veramente bisogno

    Rispondi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.