Reliquie di S. Pietro allo scismatico Bartolomeo di Costantinopoli

Continua senza posa l’ecumenico smercio di reliquie da parte dei modernisti. Proprio ieri – ne dà lietamente l’annunzio VaticanNews – una reliquia di san Pietro è stata donata da Bergoglio al “patriarca” Bartolomeo di Costantinopoli, fino a prova contrario formalmente eretico e scismatico in quanto negatore delle prerogative del beatissimo Principe degli Apostoli e non in comunione con la sua Sede Romana.
Trattasi tuttavia di una tradizione consolidata:

– il 26 settembre 1964 Paolo VI, tramite il cardinale Bea sj, restituiva al metropolita scismatico di Patrasso il Capo di sant’Andrea che si venerava a san Pietro dal 1462 (vedi qui);

– rispettivamente il 22 maggio 1968 e il 6 maggio 1973 sempre Paolo VI restituiva a Shenuda III di Alessandria “papa della Chiesa ortodossa copta”, negatore della duplice natura di Cristo, alcune reliquie di san Marco e di sant’Atanasio;

– il 27 novembre 2004 Giovanni Paolo II, durante una pomposa cerimonia in Vaticano organizzata dal cardinale Kasper, consegnava al nostro Bartolomeo la quasi totalità delle reliquie dei santi Giovanni Crisostomo e Gregorio Nazianzeno, che certo avrebbero preferito restare presso la tomba del Principe degli Apostoli piuttosto che presso i negatori della sua divina autorità;

– il 9 maggio 2017 infine l’attuale Sedente sul soglio petrino consegnava al già menzionato Bartolomeo – col quale condivide molte modernistiche idee – alcune reliquie dei santi Apostoli Filippo e Giacomo.

Contro tutti costoro che smerciano reliquie a persone aliene dalla Chiesa di Cristo, a profani (secondo l’espressione di san Girolamo) tuono il semplice e e puro dettato evangelico: “Non vogliate dare le cose sante a cani, e non buttate le vostre perle ai porci“!
Ma loro al Vangelo (forse) non ci credono!





Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.