[SPADAKITCHEN] I panini al latte: perfetti con dolce e salato!

Oggi vi propongo la ricetta dei panini al latte, che ho letto sul profilo Instagram “La cucina in viaggio” di una ragazza molisana come me, ma trapiantata a Roma. Si tratta di panini molto morbidi che ho fatto per la prima volta per la colazione del marito, perché so che gli piacciono molto, ma non ha resistito e ne ha mangiati due con la crema alle nocciole dopo cena… Li ho rifatti per la cena del mio compleanno e li ho farciti con salumi, formaggio e rucola: sono andati a ruba! Avrete capito che questi panini sono ottimi sia con farciture dolci che salate e sono perfetti per i buffet, quindi sono assolutamente da provare!

DOSI: 12 panini circa

DIFFICOLTA’: Bassa

PREPARAZIONE: 20 minuti

COTTURA: 20 minuti

COSTO: Basso

INGREDIENTI:

  • 100 g di farina 00
  • 150 g di farina Manitoba
  • 1 uovo
  • 155 g di latte tiepido (+ per spennellare la superficie)
  • 4 g di lievito di birra fresco
  • 25 g di zucchero
  • 6 g di sale
  • 30 g di burro (ammorbidito)

PROCEDIMENTO:

Prima di tutto fate ammorbidire il burro a temperatura ambiente, dopodiché mettete il latte tiepido in una ciotola, sbriciolatevi il lievito e mescolate finché non si sarà sciolto. Poi versatevi anche l’uovo leggermente sbattuto con una forchetta e mescolate. Nella ciotola della planetaria (ma potete fare questa operazione anche a mano) versate le farine, lo zucchero ed il sale, dopodiché aggiungete il composto con il lievito ed impastate energicamente con la “foglia”. Dopo circa 5 minuti aggiungete il burro ed impastate ancora per almeno altri 10 minuti, per far “incordare” l’impasto. Poi coprite la ciotola con la pellicola trasparente e fate lievitare l’impasto per 3-4 ore lontano da correnti d’aria, fino al raddoppio del volume.

Passato questo tempo, riprendete l’impasto e dividetelo in pezzetti da circa 40 g (oppure da 30 g se li preferite più piccoli), dopodiché “pirlateli”, che non è una parolaccia ma vuol dire arrotondare l’impasto facendolo girare tra le mani o sul piano di lavoro, per dargli una forma rotonda regolare e per farlo lievitare in maniera omogenea. Dopo aver formato le palline, sistematele su una teglia rivestita con carta da forno, copriteli con della pellicola trasparente e fateli lievitare per un’altra oretta.

Poi spennellate la superficie delle palline con del latte e fatele cuocere in forno preriscaldato statico a 180° per circa 20 minuti, fino a quando saranno dorate in superficie. Il tempo di cottura dipende dalla grandezza dei panini. Una volta cotti, sfornateli e fateli raffreddare su una gratella.

NOTE:

Il mio impasto era molto appiccicoso, quindi per maneggiarlo, ho dovuto ungermi ripetutamente le dita con dell’olio. In alternativa, se quando cominciate a lavorare l’impasto vi accorgete che è molto molle, potete aggiungere della farina.

I panini al latte possono essere farciti sia con affettati e formaggi che con marmellate e creme spalmabili.

Per ottenere dei panini più dolci, potete aggiungere un cucchiaio di zucchero all’impasto.

Potete dare ai panini anche una forma allungata, anziché tonda.

I panini al latte possono essere congelati. Per scongelarli, toglieteli dal freezer un’ora prima di consumarli.

Alla prossima ricetta,

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.