La Bibbia e le scoperte moderne : il papiro “P52”

Traduzione dal francese dell’articolo La Bible et les découvertes modernes (3) : le papyrus “P52 (fsspx.news, 31 luglio 2019). 

Tutto ciò che accade dipende dalla divina Provvidenza. Le scoperte di cui stiamo parlando ne fanno parte: sono provvidenziali perché illustrano la fede e aiutano i non credenti a fidarsi della Bibbia e della Chiesa. Ma alcuni di loro sono ovviamente desiderati da Dio per incoraggiare i suoi fedeli servitori e confondere i suoi nemici: questo è il caso del papiro P52.

Che cos’è un papiro?

“Papiro” è definito il supporto scritto del testo biblico. Anzi, prima dell’uso della pergamena, molto più resistente e pratica, gli antichi usavano il papiro, una canna che cresce abbondantemente in Egitto, sulle rive del Nilo. Il principio di fabbricazione consiste nel sovrapporre fette sottili tagliate nel gambo della pianta, che vengono incrociate e pressate durante l’essiccazione. Ma questo supporto è fragile e non resiste bene al tempo. È eccezionale scoprire qualcosa di diverso dai semplici frammenti.
Aggiungiamo che il papiro poteva consistere in un solo foglio, per raccogliere brevi testi. O fogli cuciti da un capo all’altro e avvolti per formare un cilindro o un rotolo. E infine, ma più tardi, in fogli legati insieme per formare un codice, l’antenato del nostro libro.
I papiri biblici del Nuovo Testamento sono elencati in ordine cronologico di scoperta e annotati da una P seguita da un esponente. Il P52 fu acquisito dalla Biblioteca John Rylands di Manchester nel 1920. Probabilmente proviene dal famoso sito di Oxyrhynchus che ha consegnato migliaia di papiri.

La critica razionalista

Dalla metà del XVIII secolo, la rivelazione cristiana e in particolare la Bibbia sono state oggetto di intense critiche razionaliste. Nell’ambito biblico, i razionalisti rifiutano sistematicamente di accettare le date tradizionali fornite dalla Chiesa per la scrittura dei Vangeli. Il motivo principale è il rifiuto del soprannaturale e del miracolo. Ad esempio, i vangeli sinottici che annunciano la distruzione di Gerusalemme, possono solo essere successivi a questo evento. In generale, i critici razionalisti ha collocato la loro scrittura nel secondo secolo della nostra era.
Sfortunatamente, oggi molti esegeti e teologi cattolici hanno seguito l’esempio dei razionalisti. Basti, ad esempio, leggere come Walter Kasper, nel suo libro “Gesù, il Cristo” (1974), riduca drasticamente i miracoli del Vangelo con i pretesti più curiosi. Per quanto riguarda gli esegeti, hanno spesso adottato la datazione razionalista.

Il Papiro P52

Questo papiro, circa 9 cm per 6, è scritto su entrambi i lati, il che indica che probabilmente faceva parte di un codice. Contiene un brano del Vangelo di San Giovanni. Ma la domanda più importante è: quando è datato?
Per i nostri critici, il Vangelo di San Giovanni può essere solo molto tardo, perché la sua elevazione teologica ha necessariamente richiesto un’elaborazione, che si estende per un secolo o due. Questo è il motivo per cui non si potrebbe andare sotto i 250, o addirittura guardare al quarto secolo.
È possibile datare un papiro: a volte dalle circostanze della sua scoperta, ma soprattutto dal metodo paleografico, in altre parole dal tipo di scrittura studiata. In effetti, i metodi e i requisiti di supporto o lettura variano nel tempo. Confrontando con altri manoscritti datati, è possibile ottenere una datazione affidabile.
Il Dr. Colin Roberts, responsabile di questo lavoro scientifico, fu sorpreso di scoprire che il P52 era della prima metà del secondo secolo. Vari specialisti consultati hanno anche annunciato lo stesso risultato, un risultato oggi ampiamente accettato. Ciò ha reso questo papiro il più antico manoscritto del Nuovo Testamento mai scoperto. Il Dr. Roberts pubblicò il suo lavoro nel 1936.
Fu uno stupore per gli scrittori eterodossi. Pochi centimetri quadrati, alcuni grammi di papiro ebbero ragione su intere biblioteche. La scoperta ha pienamente giustificato la tradizionale data di composizione del quarto Vangelo verso la fine del primo secolo.

Il contenuto del P52

Ma qual è il passaggio riportato dal P52? È Giovanni 18, 31-33 [1] sul davanti e Giovanni 18, 37-38 [2] sul retro: il vangelo di Cristo Re!
È attraverso questo passaggio che la Provvidenza ha vinto l’errore. Non può essere l’effetto del caso.
Un confronto lo mostrerà bene. Nel 1858, la Beata Vergine apparve a Lourdes a Saint Bernadette come l’Immacolata Concezione per diffondere i benefici divini sulle anime e i corpi. Questo è chiaramente un premio dato alla fede della Chiesa militante per l’annuncio del dogma dell’Immacolata Concezione di Papa Pio IX l’8 dicembre 1854, quattro anni prima.
Nel 1936, Cristo Re spazzò via le critiche razionaliste sull’autenticità del Vangelo di San Giovanni. È come una ricompensa data ai suoi figli dalla terra per l’annuncio del dogma di Cristo Re da parte di Papa Pio XI l’11 dicembre 1925, nell’enciclica Quas Primas. Questa è un’altra ragione per essere attaccati a questo dogma che oggi è scomparso dalla vita ecclesiale.

Christus vincit! Christus regnat! Christus imperat!


[1] “Disse adunque loro Pilato: Prendetelo voi, giudicatelo secondo la vostra legge. Ma i Giudei gli dissero : Non è lecito a noi dar morte ad alcuno. Affinché si adempisse la parola detta da Gesù, per significare, di qual morte doveva morire. Entrò dunque di nuovo Pilato nel pretorio, e chiamò Gesù, e gli disse: Sei tu il re dei Giudei?”.
[2] “Gli disse però Pilato: Tu dunque sei re? Rispose Gesù: Tu dici che io sono re. Io per questo sono nato, e per questo sono venuto nel mondo, a render testimonianza alla verità: chiunque sta per la verità, ascolta la mia voce. Gli disse Pilato: Che cosa è la verità? E detto questo di nuovo uscì dai Giudei, e disse loro: Io non trovo in lui nessun delitto. Ora poi avete per uso che io vi rilasci libero un uomo nella Pasqua: volete adunque che vi metta io libertà il re dei Giudei?”.


Un commento a "La Bibbia e le scoperte moderne : il papiro “P52”"

  1. #bbruno   5 Agosto 2019 at 3:46 pm

    Se leggo bene, questo papiro P52 daterebbe dalla prima metà del secondo secolo.e per questo vien detto ” il più antico manoscritto del Nuovo Testamento mai scoperto”… Nessuna menzione del 7Q5 e del P64…perché?

    E se san Giovanni ha scritto il suo Vangelo alla fine del primo secolo, secondo la data tradizionale qui citata, come mai presentando la piscina di Betzaetà, quella dove avverrà il miracolo del cieco nato, la colloca al presente, – “V’è [ È ] a Gerusalemme, presso la porta delle Pecore, una piscina, chiamata in ebraico Betzaetà – “, quindi ancora esistente al tempo in cui egli scrive? E non dice, come parrebbe logico, se avesse scritto alla fine del primo secolo, “Vi ERA”????…A meno che con “fine del del primo secolo” non s’intenda ‘prima dell’anno 70, anno della distruzione di Gerusalemme e quindi anche della detta piscina, che dalla scoperta dell’archeologo Conrad Schick, nel XIX secolo, si svelerà appunto dotata anche dei famosi, problematici fino ad allora, ‘cinque’ portici! La qual cosa sembra un po’ stiracchiata…
    Fa troppa paura – paura di apparire non scientificamente attrezzati – pensare che i Vangeli furono scritti , magari in una loro prima versione in aramaico/ebraico, poi successivamente redatti in greco, sotto la loro stessa autorità, a ridosso degli eventi ivi narrati ( come confermerebbero i Papiri non qui citati, oltre che l’analisi interna testuale) ?

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.