[MASSIMO VIGLIONE] Grillo e Conte, ovvero il piano geniale di Francis Bacon

di Massimo Viglione (cliccate qui per seguirlo su Facebook)

Ma sarà un caso che il leader della coalizione della Sinistra più estremista e anticristiana mai avuta al governo in Italia sia un distinto professionista, alquanto affascinante, serio, assolutamente moderato, credibile, pacato, definentesi “devoto di Padre Pio”, degno emulo – in tutti i sensi – di Pierferdinando Casini (ma di gran lunga più credibile e colto), e foriero di un “nuovo umanesimo”, che le gerarchie della “neochiesa” hanno subito benedetto, dicendo “basta al clima di odio”?
Sarà un caso che il più grande portatore di odio vero – quello che ora si riverserà nella vita civile degli italiani – sia mascherato da perfetto moderato?
O è, ancora una volta, l’essenza stessa dell’italico meccanismo della sovversione imposta e diluita a decine di milioni di “distratti” e “pseudofurbi” pronti al sacrificio collettivo dell’autodissoluzione? 
Non credo sia un caso.
Un impresentabile come Grillo, che ripugna alla vista ma attira le menti degli ingenui, serve a riempire le piazze e internet, a trovare ovvero i voti giocando sulla pancia degli italiani infuriati e al contempo accecati (Pars construens).
Un perfetto moderato come Conte, gradito alle persone “serie” e “professionali” (e specialmente magari al gentil sesso), serve a dissolvere l’Italia e gli italiani, ma da perfetto gentleman stimato e onorato da tutti i potenti di questo mondo, Vaticano incluso (Pars destruens).
Un piano tanto geniale quanto vecchio come il cucco.
Vecchio come la gnosi e la massoneria.
Come un certo Francesco Bacone. Il quale metteva prima la Destruens e poi la Construens. Ma non confondiamoci. Anche ora è esattamente così: la construens per il consenso, la destruens per la dissoluzione, e infine la Costruens vera, quella della Nuova Era e del Nuovo Uomo, secondo i dettami del Grande Architetto dell’universo.
Eterno ritorno delle identiche cose, come l’uroboro.
“Una pagina bianca tutta da scrivere”, ha sentenziato infatti Monica Cirinnà.
Il moderato professionale e serio perfettamente vestito e da tutti onorato… 

http://bit.ly/2zdsEFR
http://bit.ly/2ze5VJV

Un commento a "[MASSIMO VIGLIONE] Grillo e Conte, ovvero il piano geniale di Francis Bacon"

  1. #asd   31 Agosto 2019 at 2:35 am

    Interessante la foto di Grillo ad occhio coperto, che va a fare compagnia a tutti gli artisti raccolti da vigilantcitizen proprio quando iniziava l’avventura di governo.r

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.