[SPADAKITCHEN] La panzanella

Oggi ospitiamo una ricetta di Isidoro D’Anna. Buon appetito! [RS]

Cari Amici (presenti e futuri),

a casa mia c’è una specialità tutta nostra, la panzanella secondo una ricetta che non si trova da nessun’altra parte.
Quando cercate la panzanella, su internet o al ristorante, vi diranno per cominciare che si tratta di un piatto estivo tipico dell’area umbro-toscana. Poi però, quando si viene al dunque della preparazione, eccovi comparire ingredienti non tanto piacevoli, come la cipolla cruda a listoni e le carote pure crude da sgranocchiare come se fossimo conigli o altri simpatici roditori.
Qualcuno, più clemente, raccomanda la cipolla dolce di Tropea… giusto, soprattutto per l’alito con cui poi ci aggireremo… ma la cipolla cruda è comunque un sapore decisamente forte, e non tutti possono gradirlo.
La panzanella di casa mia invece è saporitissima e gradevolissima, senza bisogno di ricorrere a cipolle crude, carote e amenità varie.
Lo potete già intuire dagli ingredienti che mi appresto a svelarvi:

500 gr di pane casereccio, con sale o sciapo, raffermo (lasciato all’aria e usato l’indomani)
4 uova sode
2 o 3 pomodori perini
1 cetriolo (fare attenzione che non sia amaro)
160 gr circa di acciughe sott’olio
Un po’ di capperi
Un po’ di olive denocciolate, verdi, nere o di altro tipo

Preparazione:

Fare il pane a grosse fette e lasciarle coperte d’acqua per 20 minuti. Strizzare bene e sbriciolare il pane e disporlo in un recipiente. Aggiungere le uova sode, i pomodori, il cetriolo, le acciughe sgocciolate bene, tutto fatto a pezzetti piccoli, i capperi e le olive, mescolando. Condire con olio e aceto e anche un pochino di sale, tenendo conto però che nell’impasto ci sono già le acciughe salate; poi se il pane adoperato è salato, meglio assaggiare prima di aggiungere del sale.

Così la panzanella è un piatto gustosissimo, oltre a fornirci un pasto completo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.