P. Livio Fanzaga condanna il “nuovo umanesimo”, dopo pochi giorni l’espressione viene usata da Francesco

Al fondo – e al netto dell’insostenible medjugorismo – l’intervento di Padre Livio Fanzaga dice cose giuste, sia chiaro.

Tuttavia c’è un elemento curioso: l’espressione “nuovo umanesimo” vagamente accennata dal presidente Conte ad agosto (e duramente condannata, con cognizione di causa, dal direttore di Radio Maria in un video del 30 agosto) viene esplicitamente chiamata in causa da Francesco in un intervento cui ha voluto dare una grande enfasi, pubblicato sul sito ufficiale del Vaticano con lo scopo di lanciare un Patto Educativo.

Ma che dice Francesco?

Serve un patto educativo globale che ci educhi alla solidarietà universale, a un nuovo umanesimo.

Per questo ho promosso un evento mondiale che si terrà il 14 maggio 2020.

In un momento di estrema frammentazione, di estrema contrapposizione, c’è bisogno di unire gli sforzi, di far nascere un’alleanza educativa per formare persone mature, capaci di vivere nella società e per la società.

Ogni cambiamento, però, ha bisogno di un cammino educativo. Noi non possiamo fare un cambiamento senza educare a quel cambiamento.

Un proverbio africano recita che “per educare un bambino serve un intero villaggio”. Ma dobbiamo costruirlo, questo villaggio. Tutti insieme, per educare i bambini, per educare il futuro.

E dobbiamo bonificare il terreno dalle discriminazioni, come ho sostenuto nel Documento che ho recentemente sottoscritto con il Grande Imam di Al-Azhar ad Abu Dhabi.

Siamo, insomma, a quel ‘Nuovo Umanesimo’ che sa di repubblica universale massonica.

Speriamo dunque che gli autori dell’emittente Radio Maria vadano alla sostanza del problema, anche e sopratutto ora, arrivando finalmente a capire che questo “nuovo umanesimo” è quello del Concilio Vaticano II, di cui Francesco è il frutto maturo.

http://bit.ly/2zdsEFR
http://bit.ly/2ze5VJV

4 Commenti a "P. Livio Fanzaga condanna il “nuovo umanesimo”, dopo pochi giorni l’espressione viene usata da Francesco"

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.