I frutti velenosi del Concilio continuano a maturare …

fonte FSSPX.NEWS

Il periodo postconciliare vide un’esplosione di disordini di ogni tipo: abbandono della sana teologia a favore di molteplici deviazioni come la teologia della liberazione, riforme liturgiche e disciplinari avvelenate, abbandono della vita clericale o religiosa, rivendicazioni del popolo di Dio per le riforme strutturali della Chiesa.
Poi c’è stato il periodo di consolidamento delle conquiste conciliari, in particolare sotto il pontificato di Giovanni Paolo II, e il progresso delle tesi moderniste, in particolare per quanto riguarda l’ecclesiologia, la libertà religiosa, l’ecumenismo, la pratica sacramentale, la destrutturazione. della morale, dando l’impressione di una certa qual messa in ordine. Ma il veleno ha continuato ad agire.
Con l’attuale pontificato, torniamo ad un periodo esternamente più attivo, che è in realtà solo la continuazione di quelli precedenti. Ma i progressi sono più percepibili, favoriti dall’atteggiamento stesso di Francesco che dà loro una mano, quando non li provoca. Quindi non sorprende che, sulla scia nauseabonda della preparazione del Sinodo in Amazzonia, riemergano affermazioni che si pensava fossero state messe da parte. Diamo alcuni esempi documentati.

La Chiesa delle donne in Cile

Il sito web della Conferenza episcopale del Cile riporta l’incontro di un’associazione femminista. Questo terzo incontro di questo movimento chiamato “(Le) Donne (sono) la Chiesa” (Mujeres Iglesia) ha riunito un centinaio di partecipanti il 31 agosto e il 1 settembre nella città di Concepción. Alcune delle loro affermazioni sono rivelatrici.
In primo luogo, vi è la richiesta di riconoscimento di un aspetto femminile nello Spirito Santo, con il pretesto fallace che il termine “spirito” nell’Antico Testamento è indicato da una parola femminile: Ruah, che si trova esempio in Genesi. Ma anche se alcuni Padri lo vedono come un’allusione allo Spirito Santo, non è la terza Persona della Santissima Trinità in senso letterale.
Si richiede quindi che Dio non sia più visto solo come “Padre”. Può essere chiamato a buon diritto “Madre” e occurre sviluppare un linguaggio inclusivo – o neutro – in tutti gli spazi liturgici. Perché si tratta di rifiutare una “teologia patriarcale”, che è fissata su una visione unilaterale delle cose. Questo è il motivo per cui dobbiamo sviluppare “nuovi linguaggi simbolici”, senza accontentarci della mascolinizzazione dei termini utilizzati.
Da qui, le nostre “teologhesse” passano a richieste più dirette sulla posizione delle donne nella Chiesa. Vogliono “partecipare attivamente all’Eucaristia” e che le donne possano presiedere tutte le liturgie – persino essere … vescove? Vogliono assumere “ruoli principali, non ruoli secondari”. Alcune si vedono cardinali … A quando una papessa?
Infine, vogliono lo sviluppo di una teologia femminista, valorizzare se stesse e recuperare i propri spazi (?), cambiare modelli stereotipati di donna che vengono imposti, in particolare la Beata Vergine Maria e Maria Maddalena. Ed invero non c’è nulla in comune tra le sante donne e queste ostinate passionarie.

Il cammino sinodale in Germania e il Comitato centrale dei cattolici tedeschi (ZdK)

Lo scorso marzo, il cardinale Reinhard Marx, arcivescovo di Monaco e Frisinga e presidente della Conferenza Episcopale Tedesca, influente membro del C6 [il consiglio di Cardinali, all’inizio 9 ora 6, istituito da Bergoglio nel 2013, ndRS], ha annunciato “un processo sinodale vincolante” della Chiesa di Germania per affrontare le “questioni chiave” sollevate dalla crisi delgli “abusi del clero”. Vi prenderanno parte vescovi, sacerdoti e ZdK.
Questi temi sono già stati discussi nei forum guidati dal Comitato. I loro nomi sono evocativi: “Potere, partecipazione e separazione dei poteri”; “Moralità sessuale”; “Forme di vita sacerdotale”; “Le donne nei servizi e nelle istituzioni della Chiesa”.
La ZdK ha accettato di partecipare all’assemblea sinodale a condizione che i vescovi tedeschi si impegnino a rendere vincolanti le risoluzioni sinodali. Ma questi laici a cosa vogliono costringere la Chiesa in Germania? Non lo nascondono: “l’ammissione dei divorziati risposati civilmente alla Santa Comunione, l’accettazione di tutte le forme di convivenza, la benedizione delle coppie dello stesso sesso e il riesame dell’insegnamento della Chiesa su contraccezione”.
Ricordiamo che lo ZdK è già noto per le sue posizioni progressiste, ad esempio nella sua opposizione all’enciclica Humanæ vitæ di Papa Paolo VI che condanna la contraccezione. L’autodistruzione della Chiesa in Germania sperimenterà quindi un nuovo respiro.

Giovani cattolici provenienti da Germania, Austria, Svizzera e Alto Adige

Molti movimenti giovanili di questi tre paesi germanici e di questa regione d’Italia si sono riuniti per alcuni giorni a Innsbruck per analizzare i risultati e i progressi compiuti dal Sinodo dei giovani tenutosi a Roma nell’ottobre 2018. Il La dichiarazione finale rilasciata domenica 8 settembre richiama l’attenzione su “strutture ingiuste dentro e fuori la Chiesa”.
Secondo questa dichiarazione, la discriminazione nei confronti delle donne è ancora rilevante. Ecco perché “la Chiesa non deve opporsi alla vocazione delle donne al sacerdozio rifiutando loro il sacramento dell’Ordine”. I “giovani” criticano la disuguaglianza di genere praticata dalla Chiesa e credono che sia necessario un grande passo avanti.
Questo documento spaventoso non è altro che il risultato logico del Sinodo dei giovani, in cui gli organizzatori hanno costantemente martellato affinché questi ultimi insegnassero alla Chiesa, che li ascoltava. Questi sfortunati ignoranti sono meno colpevoli di quelli che hanno causato questa profonda inversione della struttura gerarchica della Chiesa. Quando i pastori non insegnano più, il gregge va in tutte le direzioni.

Da una rivoluzione all’altra …

S’impone un parallelo tra l’evoluzione della rivoluzione francese e quella conciliare per mostrare come i fatti siano collegati tra loro. Luigi XVI convocò gli Stati generali che aprirono il vaso di Pandora. La rivoluzione arrivò con i suoi sanguinosi eccessi e la deliberata distruzione dell’antico regime. Bonaparte ripristinò l’ordine, ma fu l’ordine rivoluzionario quello che sistematicamente organizzò. Dopo la sua caduta, la Restaurazione diede l’illusione di un ritorno all’antico regime. Ma si è conclusa con la rivoluzione del luglio 1830 [Trois Glorieuses in francese, ndRS].
Dopo che Giovanni XXIII ebbe convocato il Concilio Vaticano II, Paolo VI guidò la rivoluzione, avviando le riforme durante un periodo di sconvolgimento tremendo. Giovanni Paolo II fu il Napoleone del Concilio, organizzandolo nei testi legislativi e nella prassi ecumenica. Benedetto XVI ha fatto credere in una restaurazione, che in un altro modo ha continuato il Concilio. E ora siamo tornati agli scossoni rivoluzionari, di un Concilio desideroso di mostrare tutti i suoi frutti avvelenati.


http://bit.ly/2zdsEFR
http://bit.ly/2ze5VJV

Un commento a "I frutti velenosi del Concilio continuano a maturare …"

  1. #angela   11 Settembre 2019 at 1:45 pm

    Né maschio né femmina è Dio, Dio è privo di attributi sessuali, la possono smetter di martellar con le cretinate ….Scisma sia, chè gli scismatici si separan da soli ipso facto, sono morti defunti suicidi che è meglio dichiarar tali anziché illuder altri che sia qualcosa di buono la goduria varia, peraltro vecchia quanto il mondo, con sacerdotesse e prostituti sacri, con licenza pagana di un qualche ponte-fice con l’inferno. L’imperator romano fino a Costantino s’appellò pur tale ma l’ultimo morì ariano. Nessun cattolico fu tale.

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.