“I Cristiani preoccupati dopo la testimonianza ardente, articolata ed esperta di Greta Thunberg, per via della sua età, sembrano dimenticare l’età della Vergine Maria al momento dell’Annunciazione. Le giovani donne possono e hanno cambiato il mondo”.
Queste irrispettose e dissacranti parole, che paragonano e sembrano quasi mettere sullo stesso piano la paladina dell’ecologismo e la Santissima Vergine Annunziata, sono state pubblicate ieri sull’account twitter ufficiale della Società per le missioni estere degli Stati Uniti d’America, o di Maryknoll.
Agli estensori del tweet, talmente in preda alla febbre ecologista – quella stessa che scavalca la doverosa cura del Creato per situarsi nel panteismo più palese, meta del modernismo come diceva San Pio X nel 1907 e come vediamo e vedremo nelle vicende dell’imminente Sinodo Amazzonico – da trattare così temerariamente il mistero adorabile della Incarnazione del Verbo e della Maternità della Vergine Maria, ricordiamo solamente le parole dello Spirito Santo: “Chi insulta la madre è maledetto dal Signore!” (Eccli, III, 18).


Verso il sinodo amazzonico, itinerari della dissoluzione
http://bit.ly/2ze5VJV
http://bit.ly/2ze5VJV