Nuove scoperte archeologiche su Emmaus

“Ed ecco che due di essi andavano lo stesso dì a un castello lontano sessanta stadi da Gerusalemme, chiamato Emmaus. E discorrevano insieme di tutto quel che era accaduto. E mentre ragionavano e conferivano insieme, Gesù si andò accostando loro, e faceva strada con essi” (Vangelo di San Luca, capitolo XXIV, versetti 13-15).

di Giuliano Zoroddu

Una campagna di scavi franco-israeliana iniziata nel 2017 ha riportato alla luce sulla collina di Kiryat Yearim, vicino a Gerusalemme, i resti di un edificio che potrebbe appartenere alla Emmaus evangelica.
In base alle loro ricerche, gli archeologi dell’Università di Tel Aviv, Israel Finkelstein e Thomas Römer, professori di studi biblici al College de France, sono giunti a formulare la loro tesi secondo cui Kiriath Yearim e l’adiacente città di Abu Ghosh siano riconducibili a Emmaus.
L’edificio riscoperto, databile a 2200 anni fa grazie alla tecnica della luminescenza, è una fortezza del tardo periodo ellenista (ca. 160 a.C.) su cui intervennero poi anche i Romani nel I secolo d.C. .
Tuttavia tali scoperte, senz’altro importanti, non portano a concludere con certezza che sia stata ritrovata la vera Emmaus in cui il Cristo Risorto si manifestò a Cleopa e all’altro discepolo di cui la storia non ci ha trasmesso il nome.
Altre località infatti sono state identificate con l’Emmaus evangelica: “Tradizionalmente, la maggior parte degli studiosi ha identificato il tempo di Emmaus di Gesù con quella che in seguito divenne la città bizantina chiamata Emmaus Nicopolis, situata nella valle di Ayalon, vicino alla moderna traversata di Latrun”, spiega Benjamin Isaac, Professore emerito di storia antica dall’Università di Tel Aviv ad Haaretz (cfr.  Holy Land Foundation).
L’ipotesi Emmaus Nicopolis fu sostenuta da Eusebio di Cesarea, Girolamo, Sozomeno, tuttavia, come notava don Armando Rolla, Professore di Sacra Scrittura nel Seminario Regionale di Benevento: «Tale ubicazione è in contrasto col testo criticamente sicuro di Lc. 24, 13 che pone tra Emmaus e Gerusalemme 60 stadi (= 11-12 km; Lagrange, Vaccari). La lezione 160 stadi è riportata solo da sei unciali, per lo più corretti, e quattro minuscoli. Essa pertanto, a ragione, è esclusa dalle edizioni critiche (solo si ha nel Merk, 3a tiratura 1938). Origene, abituato a cambiamenti toponomastici nel testo biblico (cf. Io. 1, 28; Betabara invece di Betania; Mt. 8, 28 parr.: Gergesi invece di Gadareni o Geraseni) volle immetterla nel testo. Dal sec. XII la localizzazione dell’Emmaus evangelica fu ricercata dai Crociati a: Qolon-ieh a 30 stadi da Gerusalemme; ad Abu Gosh a 80 stadi; a el Qubeibeh a 60 stadi in armonia con la distanza evangelica, ma gli archeologi rimangono incerti» (Dizionario Biblico diretto da Mons. Spadafora, Roma, 1963, voce Emmaus) .
La disputa è antica: «Vi furono alcuni cristiani nei secoli passati – osserva il Römer – che non erano d’accordo con Eusebio e credevano che l’apparizione di Gesù fosse avvenuta qui invece che ad Emmaus Nicopolis. Ecco perché i Crociati, nel XII secolo, costruirono la Chiesa della Resurrezione magnificamente affrescata ad Abu Ghosh».
Da profani non possiamo formulare giudizi pro o contra questa ipotesi scientifica, ma certamente possiamo notare quanto ne esca confermata la storicità dei testi evangelici, come “Sancta Mater Ecclesia firmiter et constantissime tenuit ac tenet“.


http://bit.ly/2zdsEFR
http://bit.ly/2ze5VJV

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.