San Giuseppe da Copertino, il Santo dei Voli, patrono degli Esaminandi

San Giuseppe da Copertino (Copertino, 17 giugno 1603 – Osimo, 18 settembre 1663) rifulse nel firmamento della Chiesa per l’ ardentissimo amore a Gesù e Maria che lo faceva levitare fisicamente meritandogli il titolo di Santo dei Voli, per le aspre penitenze e per la carità verso i poveri. Pieno di divina sapienza era però ignorante agli occhi degli uomini e proprio per questo è Patrono degli studenti e degli esaminandi.

San Giuseppe da Copertino nella sua infanzia non aveva potuto studiare molto, sia per una malattia che lo costrinse a letto per 4 anni, sia per la povertà della famiglia che lo costrinse presto a trovare lavoro. Dopo essere entrato come frate nel Convento della Grottela iniziò da solo ad approfondire gli studi, fino a provare a supere gli esami al Sacerdozio. I sacri canoni non permettevano di accedervi senza un necessario previo esame. Il candidato doveva leggere, cantare e spiegare un brano dell’evangeliario. Fra Giuseppe, col suo scarso latino, era pieno di paura. Si raccomandò alla Vergine della Grottella e imparò a puntino il vangelo più breve dell’anno. Quando il vescovo aprì il libro, i suoi occhi scoprirono proprio quel brano: la donna che grida “Beato il ventre che ti ha portato” e Gesù che risponde “Beato piuttosto chi ascolta la parola di Dio e la mette in pratica”. Rimaneva ora l’esame più difficile, quello per il sacerdozio. A rendere la cosa più complicata fu notizia che a svolgere l’esame sarebbe stato il temuto vescovo di Castro, Giambattista Deti. Passò la notte in trepida preghiera nella chiesa dedicata a santa Maria degli Angeli. Proprio durante gli esami, arrivò al prelato un plico della massima importanza. Erano le buone notizie di una promozione e per la contentezza il prelato fece sospendere gli esami, e così fra Giuseppe ebbe provvidenzialmente abbonato il difficile esame. Dopo questi fatti non è difficile capire perché San Giuseppe sia stato proclamato patrono degli studenti e degli esaminadi, egli che sperimentò in maniera così palese “il tocco della Provvidenza” di fronte al “tribunale” degli esami. (da sangiuseppedacopertino.net)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.