Ultima video-intervista dell’esorcista Mons. Andrea Gemma, defunto oggi: “Medjugorje? Non è vero”

Il vescovo, sebbene aderente alla chiesa conciliare, fu un famosissimo esorcista, un riferimento a livello internazionale.

Uomo genuino e deciso, ha lasciato oggi questa terra. Per questo lo ricordiamo con una preghiera.

Nella sua ultima intervista con David Murgia disse: “Non credo a Medjugorje”.

Di seguito un’intervista dello stesso Mons. Gemma di oltre dieci anni fa.

Riprendiamo questa notizia dal sito www.papanews.it.

CITTA’ DEL VATICANO – Un misto tra interessi economici e diabolici, con i presunti veggenti (nella foto) e i loro collaboratori direttamente coinvolti nei guadagni relativi all’elevatissimo flusso di pellegrinaggi e soggiorni in paese, e il Maligno ben contento di seminare zizzania tra i fedeli più convinti delle veridicità delle apparizioni di Medjugorje e la Chiesa, da sempre scettica verso quello che ha definito a più riprese, per bocca dei due Vescovi di Mostar succedutisi nel tempo, ‘un grande inganno’. Monsignor Andrea Gemma, già Vescovo di Isernia-Venafro, tra i più grandi esorcisti viventi, non usa mezzi termini: altro che la Vergine, a Medjugorje sono apparsi, sinora, solo fiumi di denaro. Un’accusa grave, che dà la cifra non solo del coraggio ma anche della levatura morale e spirituale del prelato che ha accettato di rispondere alle domande di ‘Petrus’ su una vicenda così spinosa.

Dunque, Eccellenza, come definire Medjugorje?

“E’ un fenomeno assolutamente diabolico, intorno al quale girano numerosi interessi sotterranei. La Santa Chiesa, l’unica a potersi pronunciare per bocca del Vescovo di Mostar, ha già detto pubblicamente, e ufficialmente, che la Madonna non è mai apparsa a Medjugorje e che tutta questa messinscena è opera del Demonio”.

Lei parla di ‘interessi sotterranei’… Quali?

“Mi riferisco allo ‘sterco del Diavolo’, al denaro, e a cosa, sennò? A Medjugorje tutto avviene in funzione dei soldi: pellegrinaggi, pernottamenti, vendita di gadgets. Cosicché, abusando della buona fede di quei poveretti che si recano lì pensando di andare incontro alla Madonna, i falsi veggenti si sono sistemati finanziariamente, si sono accasati e conducono una vita a dir poco agiata. Pensi, uno di loro organizza direttamente dall’America, con un guadagno economicamente diretto, decine di pellegrinaggio ogni anno. Ecco, costoro non mi sembrano proprio delle persone disinteressate. Anzi, unitamente a chi presta il fianco a questo clamoroso raggiro, hanno palesemente tutto l’interesse materiale di far credere di vedere e parlare con la Vergine Maria”.

Monsignor Gemma, il Suo è un giudizio senza appello?

“Potrebbe essere diversamente? Queste persone che asseriscono di essere in contatto con la Madonna, ma che in realtà sono ispirate solo ed esclusivamente da Satana, stanno creando scompiglio e confusione tra i fedeli per interessi e vantaggi assolutamente deprecabili. Pensi, poi, alla disobbedienza che hanno alimentato in seno alla Chiesa: la loro guida spirituale, un frate francescano cacciato dall’Ordine e sospeso a divinis, continua ad amministrare invalidamente i Sacramenti. E numerosi sacerdoti di tutto il mondo, malgrado il divieto esplicito della Santa Sede, non desistono dall’organizzare e dal prendere parte a pellegrinaggi con destinazione Medjugorje. E’ una vergogna! Ecco perché parlo di una miscela tra interessi personali e diabolici: i falsi veggenti e i loro assistenti intascano denaro, e il Diavolo crea discordia tra i fedeli e la Chiesa; i fedeli più accaniti, infatti, non ascoltano la Chiesa, che – lo ripeto – ha sin dall’inizio ha messo in guardia dalla mendacia delle apparizioni di Medjugorje”.

E se i presunti veggenti vedessero davvero la Madonna?

“In realtà vedrebbero Satana sotto mentite spoglie. Perché Satana ha tutto l’interesse a spaccare la Chiesa contrapponendo le due correnti dei ‘pro’ e dei ‘contro’ Medjugorje. E poi, non sarebbe una novità: lo stesso San Paolo asserisce che il Demonio può anche apparire come Angelo della Luce, e che cioè può camuffarsi. Lo faceva, ad esempio, con Santa Gemma Galgani. Ma al di là dei suoi travestimenti, il Maligno è già intervenuto e vi posso assicurare che è lui ad ispirare i falsi veggenti sin dall’inizio con la lusinga del denaro facile”.

Questi veggenti non Le piacciono proprio…

“Per carità! Basta vedere come si comportano: sono disobbedienti verso la Chiesa, avrebbero dovuto ritirarsi a vita privata e invece continuano a propagandare le loro menzogne per scopi di lucro, facendo così il gioco del Diavolo! Il mio pensiero va immediatamente a Santa Bernadette, la veggente di Lourdes: questa dolce creatura volle spogliarsi della sua vita e scelse l’abito da Suora per servire il Signore. Invece, gli impostori di Medjugorje continuano a vivere comodamente nel mondo senza manifestare alcun tipo di amore né per Dio, né per la Chiesa”.

I sostenitori di Medjugorje sottolineano che la Santa Sede non si è mai espressa in materia.

“Questa è un’altra menzogna! Come accennavo in precedenza, il Vaticano ha vietato i pellegrinaggi da parte di sacerdoti in quel luogo ed ha già parlato per bocca dei due Vescovi succedutisi in questi anni a Mostar, i Monsignori Zanic e Peric, con cui ho parlato personalmente e che mi hanno sempre manifestato i loro dubbi. Veda, neanche per Fatima e Lourdes è accaduto che la Santa Sede si esprimesse direttamente sulle apparizioni mariane. Perché, dunque, avrebbe dovuto fare un’eccezione proprio in questo caso? La verità è che quando parla il Vescovo di Mostar, parla la Chiesa di Cristo ed è a lui, che si esprime con l’autorità conferitagli dal Vaticano, che bisogna dare ascolto. Quindi, la Santa Sede si è sempre espressa con le parole del Vescovo di Mostar, evidenziando che Medjugorje è un inganno diabolico. Ma le farà una confidenza. Vedrà che tra poco il Vaticano interverrà con qualcosa di esplosivo per smascherare una volta per tutte chi c’è dietro questo raggiro”.

Gli stessi sostenitori fanno notare che a Medjugorje si registra ogni anno un record di conversioni e miracoli…

“E’ una forzatura. E poi, chi conta tutte queste conversioni? Veda, se una persona si converte, è perché ha una certa predisposizione, perché si sa guardare dentro, perché sa ricevere il dono dello Spirito. Il luogo in cui avviene questa conversione è del tutto relativo. Pensiamo a San Paolo: si convertì per strada, e allora che dovremmo fare, scendere tutti in strada e attendere di essere convertiti? Per quanto riguarda i miracoli, le racconterò un aneddoto personale. Devo all’intercessione di Nostra Signora del Rosario di Pompei la guarigione miracolosa di una persona della mia famiglia, eppure non mi risulta che la Madonna sia mai apparsa a Pompei. Ecco, per credere, per essere guariti dentro e fuori, non occorre necessariamente che Maria si faccia vedere”.

[…]

Da: http://www.papanews.it/dettaglio_interviste.asp?IdNews=7499

8 Commenti a "Ultima video-intervista dell’esorcista Mons. Andrea Gemma, defunto oggi: “Medjugorje? Non è vero”"

  1. #Giovanni Evangelista   3 Settembre 2019 at 12:32 am

    Bisogna dire al Diavolo che sta facendo molto male il suo lavoro, visto che milioni di persone vanno là ogni anno e di queste la quasi totalità si confessa, tanti inoltre si convertono e tornano ad una vita di Grazia dopo una vita di peccati, e tornano inoltre a partecipare alla Santa Messa domenicale e non di rado anche a quella quotidiana, senza contare poi l’aumento della vita di preghiera, molti rientrano a casa col Santo Rosario in mano e non lo abbandonano più.
    Oltretutto è un luogo di copiose vocazioni alla vita Consacrata e a quella Matrimoniale, innumerevoli, poi, sono i Gruppi di Preghiera sparsi nel mondo.
    Eh già, proprio quel che si dice un luogo infernale!
    Restando infine nel campo degli Esorcisti, vorrei ricordare che Don Gabriele Amorth aveva ben altra considerazione della Apparizioni della Vergine Santissima a Medjugorje.

    Rispondi
    • #AlDa   3 Settembre 2019 at 11:51 am

      https://www.youtube.com/watch?v=8E_Kn5bOR20

      se si convertono alla religione praticata dalla tarantolata signora, di mestiere pretesa veggente e alberghiera, che balla e si dimena insieme a d una pretesa suora sul luogo dove è stata celebrata una pretesa “messa” montiniana allora non si tratta di Cattolicesimo ma di evidente isteria collettiva. E qui mi fermo per non infierire ulteriormente, sparando sulla croce rossa!

      Rispondi
      • #emma   5 Settembre 2019 at 7:03 pm

        concordo pienamente: se i frutti sono questi, l’albero è ben seducente e velenoso, purtroppo… Ma anche l’uomo vestito di bianco, si sa, vuole la profanazione del corpo mistico del Cristo, a tutti i livelli. E questo è un livello già stravisto dai protestanti di vecchia data.

        Rispondi
        • #AlDa   5 Settembre 2019 at 9:40 pm

          Più che seducenti, a me queste pagliacciate fanno francamente venire il latte alle ginocchia!

      • #Emma   6 Settembre 2019 at 12:18 am

        Parlavo dell’albero… e queste cose mi fanno più che pena. Da nausea…

        Rispondi
  2. #Don mario   3 Settembre 2019 at 11:32 am

    Una preghiera per mons Gemma, ma le sue parole, che tanto del bene ha fatto, ma su Medjiugorie mi permetto di DISSENTIRE, forse andrebbero rilette le prime omelie del Vescovo di Mostar, e valutati con maggiore discernimento i frutti di questo luogo.

    Rispondi
  3. #angela   3 Settembre 2019 at 4:22 pm

    Devo dire che lanciare anatemi del genere senza uno straccio di prova non è corretto. A cianciare siamo bravi tutti. I 2 vescovi di Mostar sono stati contrari, ma col non constat e non col constat, per cui hanno lasciato la porta aperta, anzi il primo subito aveva autenticato la veridicità, ma il Vaticano aveva a suo tempo delegato ad una commissione trattandosi di veggenti di varie diocesi. La parola definitiva di falsità non esiste. Inoltre il Vaticano è eretico, come la si mette? Ora poi sono stati autorizzati pure i pellegrinaggi, ed inviati vari incaricati….Inoltre anche Ghiaie e Fontanelle ….. sono autentiche e pure…. purtroppo nessuno fa testo oggi in apostasia totale e chi sta tenendo in piedi la Chiesa è la Madonna anche con Medjugorje. Il padre Tomislav peraltro non è mai stato parroco.

    Rispondi
  4. #Paolo   4 Settembre 2019 at 3:42 pm

    una preghiera per Mons.Gemma, anche con devota gratitudine per il suo ministero esorcistico e per essere stato piuttosto allergico ad un certo ecumenismo senza basi. Consiglio di vedere altre interviste e di leggere alcuni suoi libri. Grazie

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.