Sinodo. Verso il “rito cattolico amazzonico”? Può essere, ovviamente “ad experimentum”

Foto da qui

Come fare coi viri probati? La natura del sacerdozio, in particolare nei “riti latini”, non va in direzione del clero uxorato. Ma appunto si parla di riti latini, quindi…

Ecco l’estrema sintesi di un articolo pubblicato da una importante testata filo-vaticana di lingua spagnola Religión Digital, che cita fonti sinodali.

La Iglesia “es un ecosistema complejo con una ‘maravillosa biodiversidad espiritual’ que se expresa en diversas comunidades, expresiones culturales, formas de vida consagrada y ministerios”

La Chiesa, vista come “ecosistema complesso, con meravigliosa biodiversità spirituale”. Insomma: si sa dove si sta andando a parare. L’articolo di J. Bastante va al sodo:

“Un rito católico amazónico”. Esta ha sido la propuesta estrella de las discusiones de los padres (y madres) sinodales durante la tarde de ayer.

Quale proposta quindi? Il “rito cattolico amazzonico”. Nel Sinodo, si specifica, la riflessione è partita dai “riti indigeni non legati a superstizioni e che possano armonizzarsi col vero spirito liturgico”, riferisce la nota vaticana (el Sínodo reflexionó sobre “los ritos indígenas”, que “no están ligado a las supersticiones, siempre que pueda armonizarse con el verdadero espíritu litúrgico”, afirma la nota vaticana).

Ovviamente il tutto da realizzare ad experimentum (ricorda nulla? A noi fa venire in mente roba vecchia di qualche decennio).

“Después de todo, se subrayó, así como hay un ecosistema ambiental, también hay un ecosistema eclesial”, apuntaron los 176 sinodales que participaron.

Come c’è un ecosistema ambientale, c’è un ecosistema ecclesiale, dicono los sinodales.

La considerazione però viene spontanea: un “rito cattolico amazzonico”, toccherebbe la liturgia molto più in profondità dei semplici viri probati. E quali sarebbero i riti indigeni accettabili da cui partire? L’abominevole danza delle streghe nei giardini vaticani, ad esempio? L’immagine nuda in legno che è stata portata in processione blasfema? E per arrivare a cosa?

Questo “rito” apre scenari ancora peggiori.

3 Commenti a "Sinodo. Verso il “rito cattolico amazzonico”? Può essere, ovviamente “ad experimentum”"

  1. #angela   11 Ottobre 2019 at 7:19 pm

    “ecosistema ecclesiale ” mi mancava, peccato che l’ecosistema fallirà: non prevalebunt. Cristo ha detto: o con ME o contro di ME, chi non è CON ME disperde, chi non crede in ME si DANNA. Nessun ecosistema se non all’inferno, abolito solo da loro, poveretti che ci voglion finire.

    Rispondi
  2. #Maria   11 Ottobre 2019 at 7:23 pm

    http://camminandofralestreghe.altervista.org/triplice-luna-dea/

    Mai mi sarei aspettata di ritrovarla in Vaticano. Sembra una specie di incubo.

    Rispondi
  3. #angela   12 Ottobre 2019 at 8:37 am

    Maria. Grazie per il link: ecco spiegato l’arcano della luna rossa da vedere ad ogni costo , lo diceva il tg. E spiegato l’arcano della dea del sesso portata in processione al sinodo dopo averla intronizzata nei giardini vaticani alla presenza del regnante Bergoglio ed alcuni cardinali apostati.

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.