Card. Burke: “Ove Francesco firmasse un doc-conferma dell’Instrumentum, guiderebbe uno scisma”

Foto da qui

Il Card. Burke, il 9 novembre, ha rilasciato un’intervista abbastanza curiosa al New York Times in cui ha ripercorso la sua storia personale e di vocazione. Non priva di elementi poco condivisibili (come quello secondo cui il Novus Ordo “ben celebrato” sarebbe sostanzialmente positivo: I have always celebrated both forms. People say that I speak against the ordinary form of the mass. I don’t, I speak against a way of celebrating the ordinary form which is not properly transcendent), ha tuttavia aggiunto qualche elemento al tema dell’attualità ecclesiale. Confrontandosi sul Sinodo Amazzonico con l’intervistatore Ross Douthat, ha detto:

Burke: While the final document is less explicit in the embrace of pantheism, it does not repudiate the statements in the working document which constitute an apostasy from the Catholic faith.

The working document doesn’t have doctrinal value. But what if the pope were to put his stamp on that document? People say if you don’t accept that, you’ll be in schism — and I maintain that I would not be in schism because the document contains elements that defect from the apostolic tradition. So my point would be the document is schismatic. I’m not.

Douthat:But how can that be possible? You’re effectively implying that the pope would be leading a schism.

Burke: Yes.

Insomma: se Francesco confermasse in un documento e con la sua firma i contenuti panteistici dell’Instrumentum Laboris, sarebbe lui stesso (come Papa) a giudare uno scisma.

Meno chiare le conseguenze. Aggiunge più avanti Burke:

I pray that this wouldn’t happen. And to be honest with you, I don’t know how to address such a situation. As far as I can see, there’s no mechanism in the universal law of the church to deal with such a situation.

In buona sostanza: il cardinale non è sicuro di come si potrebbe affrontare una situazione del genere, in quanto non esisterebbe alcun meccanismo nella legge universale della Chiesa per gestire questo caso.

I’m not going to be part of any schism.

4 Commenti a "Card. Burke: “Ove Francesco firmasse un doc-conferma dell’Instrumentum, guiderebbe uno scisma”"

  1. #bbruno   11 Novembre 2019 at 2:49 pm

    il card. Burke vede come una tragedia la possibilità che Bergoglio provochi uno scisma (da sé e dalla sua chiesa)? Ma sarebbe una festa se finalmente (FINALMENTE) qualcuno si decidesse ad abbandonarlo, e già solo per il fatto in sé.. Che se poi questi saranno del tipo di questo Burke o Schneider, che tuttavia si portano dietro il vaticano II, allora vorrà dire, e dimostreranno, che anche questi non hanno mai capito niente di Chiesa cattolica, mica solo Bergoglio……. Rottami al di fuori della Vera Casa!

    Rispondi
    • #Albino Mettifogo   12 Novembre 2019 at 6:59 pm

      “Che se poi questi saranno del tipo di questo Burke o Schneider, che tuttavia si portano dietro il vaticano II, allora vorrà dire, e dimostreranno, che anche questi non hanno mai capito niente di Chiesa cattolica, mica solo Bergoglio…”

      E’ esattamente il timore che ho espresso in un commento relativo ad un altro post. Questo non sarà uno scisma in cui la Chiesa Cattolica si separa dal modernismo, ma tra due tipi differenti dello stesso, uno “progressista” e uno “conservatore”.

      Ma è possibile che in tutto l’orbe terracqueo non si riescano a trovare, non dico mille, ma dieci, venti, cinquanta vescovi (sui cinquemila attualmente ordinati – 1 su 100!!!) che abbiano finalmente la forza di dire BASTA con tutto questo; di dichiarare il Concilio Vaticano II eretico, di dichiarare eretica la messa NO, di dichiarare nulle le canonizzazioni dei papi conciliari, di scomunicare Bergoglio e tutti quelli che lo seguono, di riunirsi in conclave e di eleggere un nuovo papa veramente cattolico?

      Sono diventato cristiano da appena dodici anni; prima, pur andando a messa ogni domenica e frequentando la parrocchia, ero lontanissimo nel mio cuore da Cristo, preso com’ero dalle vanità del mondo. Da poco tempo, quindi, ho iniziato ad interessarmi sul serio della Chiesa e della Fede. Ma mai e poi mai mi sarei aspettato di trovare una situazione così GRAVE, e soprattutto umanamente IRRIMEDIABILE.
      Albino

      Rispondi
  2. #angela   11 Novembre 2019 at 9:29 pm

    Potrebbe leggersi il lavoro di Guido Ferro Canale, ottimo studio in merito. Ed agire, se avessero atteso di avere dei precedenti i cristiani del primo secolo….oggi non esisterebbe più la terra, sarebbe stata distrutta dal paganesimo da almeno 19 secoli..che non sarebbero stati e neppure ci saremmo noi a discettare invece di darsi da fare come fecero i primi ….

    Rispondi
  3. #bbruno   12 Novembre 2019 at 9:58 pm

    La Verità
    è del tutto assente dalla sua bocca,
    il suo cuore è un abisso di morte;
    batte nell’aria parole vuote,
    puri vaneggiamenti.
    La sua gola è un sepolcro spalancato,
    sempre pronto a inghiottire la preda;
    si è lisciato la lingua
    per meglio ingannare:
    Distruggilo, o Dio!
    Che perisca, vittima dei suoi stessi disegni,
    caccialo via da Te,
    orrido alla tua vista
    per il numero senza fine
    delle sue empietà.
    Si è ribellato contro di Te
    Ti ha irritato senza alcun freno, o Signore.

    Il male che ammannisce agli altri
    ricada sulla sua testa,
    e la sua empietà
    gli schiacci la fronte.

    Confitebor Domino secundum justitiam ejus,
    et psallam nomini Domini altissimi.

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.