Verso una mobilitazione cattolica di massa in direzione della Basilica di San Pietro?

Foto da qui

di Miguel

Cari Amici di Radio Spada,

dopo lo scalpore che hanno creato i miei ultimi articoli, in particolare la Lettera aperta a Joseph Ratzinger, ho pensato che forse – visto l’immobilismo generale e al netto di alcune operazioni autoreferenziali e ritrite – è il caso di fare una proposta. Del resto, tra i miei detrattori, c’è sempre quello che sibila: Embè, allora che facciamo?

Il rischio dell’attivismo è grave. Ma quello del passivismo non è da sottovalutare.

Non so quanto sia concreta, non so quanto possa funzionare, non so se darà frutto. Non so, non so, non so. Ma so che da qualche parte bisogna pure iniziare. Anche perché l’alternativa è, sempre più, ridursi a dar ragione alle vecchie zie che mentre lavorano a maglia borbottano contro Francesco. Una prospettiva non entusiasmante.

Ah, by the way: è passato un mese dalla fine del Sinodo amazzonico e a parte il solito giro di dichiarazioni, s’è concluso poco.

Dunque facciamo il punto: i problemi sono vecchi di 60 anni (Concilio & friends), i pannicelli caldi opposti in questi anni dal mondo modernista-conservatore sono stati a volte inutili, altre veri e propri boomerang. Nel frattempo la pianta che ha le radici nel montinismo ha dato i suoi “migliori” frutti: Pachamama, Abu Dhabi e via discorrendo. Tutte cose già viste in altra forma nel corso dell’ultimo mezzo secolo ma mai con la sfrontatezza di oggi.

Che fare? Bene la battaglia teo-filosofico-culturale. Ma basta? Badate: non è una domanda retorica, si tratta di una domanda vera. Se qualcuno ha una risposta fondata e sicura, me la dia. Sicuramente è ben accetta.

Ecco dunque un pensiero a voce alta che forse non produrrà nulla ma che una volta pronunciato non si potrà dire che non sia stato messo sul tavolo.

Una mobilitazione dei cattolici, verso Roma. Una mobilitazione che ricalchi, rilanci e completi ciò che nessuno ormai ricorda più, ovvero le gloriose Marce Romane degli anni ’70 che portarono verso il Vaticano migliaia e migliaia di cattolici (da decine di Paesi) pronti a rendere chiaro che la svolta modernista non andava bene. Parliamo degli anni tumultuosi in cui Padre Coache, Padre Saenz e Padre Barbara mossero tante e tante persone. Veglie di preghiera sotto le finestre di San Pietro e cartelli con scritto “non vogliamo diventare protestanti”. Avevano visto lungo, eh? I buoni frutti di quelle iniziative (e del clamore che suscitarono) sono vivi ancora oggi.

Insomma: siamo a una nuova tappa del cammino modernista e in qualche modo va segnata. Oggi le capacità di mobilitazione non mancano: pensiamo alle processioni di riparazione che negli ultimi due anni hanno segnato le cronache italiane.

Forse si può pensare a qualcosa di simile? Forse si può saldare l’urgenza della riparazione con la necessità della riaffermazione della Dottrina? Lo si può fare a Roma? Sono tutte domande a cui tu che leggi puoi rispondere.

Sia però chiaro: se si deve partire per fare cose a metà meglio lasciar perdere. Meglio essere in pochi con le idee chiare che in tanti con le idee confuse. Una piattaforma minima non può escludere un fatto condiviso: il problema è vecchio di 60 anni e i frutti recenti sono i più esplitici.

Sì, questo è imprescindibile: non possiamo andare a Roma strizzando l’occhio al Concilio e a chi lo ha incarnato. Almeno si riconosca che una rivoluzione c’è stata (sul piano dottrinale, liturgico, gerarchico), poi si dica pure che quelli del bergoglismo sono gli esiti peggiori. Ma se ci nascondiamo dietro al mezzo dito di certo conservatorismo di maniera meglio non cominciare neppure. Ci prenderemmo in giro e prenderemmo in giro chi ci guarda. Magari in buona fede ma sarebbe così.

Altro aspetto: lo scrivo qui su Radio Spada però è evidente che, nonostante la forza di mobilitazione che questo sito-associazione ha dimostrato in questi anni, non possiamo ridurre il tutto ad una “iniziativa di RS”. Ci vuole il coraggio di andare oltre le etichette. E siccome so che qui si è d’accordo sulla ricerca della via del bosco in alternativa alla placida quiete degli orticelli tradizionalisti, mando la mia missiva proprio in direzione di queste colonne.

Li sento già, i contestatori: Ecco la solita proposta buttata lì! Ecco un’idea per accendere la discussione!

Esatto ragazzi: è una proposta buttata lì per far discutere. Se non ne uscirà nulla, pazienza.

Ma il primo ad alzare il dito ci vuole sempre.

A voi la parola e a presto,

3 Commenti a "Verso una mobilitazione cattolica di massa in direzione della Basilica di San Pietro?"

  1. #Marco   26 Novembre 2019 at 7:42 am

    Di solito non commento gli articoli ma se lei chiede un riscontro le scrivo ciò che penso. Penso innanzitutto che questa situazione è una punizione divina e in quanto tale sarà la volontà di Dio a dare una svolta alla storia. Penso anche che la storia può cambiare anche per l idea di un uomo solo seguito dall azione di tanti altri. Ma Dio ha permesso che tali uomini siano isolati e dispersi, nell impossibilità di coordinarsi. Mentre in questi anni i rivoluzionari si sono organizzati e hanno agito, i cattolici hanno parlato scritto e basta. Solo un vescovo agì per salvare la dottrina e per volontà di Dio ha avuto successo. Se si vuole fare qualcosa come laici è necessario ridare spazio ai padri di famiglia e ai lavoratori che non hanno il cervello dei pensatori che scrivono, ma che leggono siti come questo non per imparare la teologia ma per capire dalle varie notizie come agire giorno per giorno e per essere pronti per la chiamata all azione di Colui che è il Dio degli eserciti. La battaglia con la penna è indispensabile ma fine a se stessa senza un seguito di uomini capaci di metterla in pratica. Si avvii un cammino di reclutamento di uomini semplici che i paroloni hanno tenuto in disparte per paura di fare la figura degli zotici. Non si possono organizzare solo convegni o conferenze si possono anche organizzare momenti in cui ci si possa mangiare qualcosa assieme e parlare tra di noi. E questo va fatto in ogni città. Una esercito si recluta in molto tempo e con un lavoro in ogni territorio proprio come fanno i nostri nemici.

    Rispondi
  2. #Guido   26 Novembre 2019 at 6:24 pm

    necessario ampliare la semplicità rivoluzionaria di San Francesco d’Assisi, una febbre d’amore e di giustizia che nulla hanno a che fare con questo papa.
    Dobbiamo essere modelli di semplicità e carità, dare orientamento in un mondo disorientato anche nella cristianità…
    Essere vicini al cuore delle persone in un epoca dove questo è il vero rivoluzionario messaggio cristiano come lo era ai tempi dell’impero romano.
    Sì dobbiamo unirci e marciare verso San Pietro a ricordare che la chiesa è molto di più dei suoi segni esterni è e deve continuare ad essere un modello di fratellanza e di vita o non è diversa da qualunque partito.
    La cristianità va difesa non si può essere accondiscendenti con l’anticristo.
    Ringrazio dentro di me sempre di aver avuto modelli di cristianità lungimiranti e attenti.
    La preghiera è in sintesi una richiesta intensa di aiuto, per aiutare altri bisogna superare tutti i propri limiti.
    Solo Dio ci da la grazia e la forza di aprirci al mondo e cambiare il destino.

    Rispondi
  3. #Tucci Valerio Maria - Valem   28 Novembre 2019 at 12:21 am

    Una mobilitazione come quelle che furono non solo non gioverebbe ma tornerebbe utile soltanto agli alfieri del progressismo neomodernista che denuncerebbero il nuovo pericolo integralista del populismo. No, non si è ancora capito che la battaglia è culturale prima che teologica confessionale, cosa che può essere affrontata solo da spiriti aperti all’intelligenza creativa di un nuovo gusto di vedere e sentire, una novità di bellezza che incarni la portata rigenerante dello Spirito del Risorto, la testimonianza indispensabile dell’arte volta a ricomporre la frattura moderna tra etica ed estetica, la portata ri-creativa della coscienza dell’uomo nuovo. In quest’ottica potete sempre disporre di me e della mia testimonianza, niente sarebbe a mio avviso più proficuo di un evento artistico ordinato all’inculturazione di una estetica che sia all’altezza di traghettare la modernità al gusto della bellezza della libertà della verità della fede. Per conseguire questo obiettivo non manca l’opera né l’artista, manca lo spirito di quanti si propongono come ferventi cattolici cristiani, ma in realtà non sono ancora o non lo sono affatto risorti.

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.