Foto da qui

Apostasia anche in Thailandia. Come si vede, Abu Dhabi era solo il passo “monoteista-abramitico” del cammino verso la disinitegrazione sostanzialmente esplicita della Fede.

Il card. Miguel Ángel Ayuso Guixot, presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso, è stato chiaro: “Sono molto lieto dell’incontro che ha avuto luogo oggi tra il Patriarca Supremo della Thailandia e Sua Santità il Papa Francesco – afferma – perché nei dialoghi e nei discorsi è emerso chiaramente l’apprezzamento di uno verso l’altro, di una tradizione verso l’altra, il cui punto di incontro è stato quello del riconoscimento della fraternità”.

Non solo: “Simbolico il fatto che Papa Francesco ha molto sottolineato che la nostra presenza è una presenza di testimonianza e di servizio aldilà delle appartenenze, cosa anche ratificata dal Patriarca Supremo della Thailandia“.

Tra i doni portati da Papa Francesco – annota VaticanNews – anche la Dichiarazione di Abu Dhabi: “Credo che abbia messo in risalto l’importanza – ha detto il porporato – che tale messaggio di fratellanza umana per la pace e la convivenza comune sia necessario da diffondere anche in Oriente“.