Donald Trump istituisce la Giornata Nazionale della Santità della Vita il 22 gennaio, anniversario della Roe vs Wade.

WASHINGTON, DC, 22 gennaio 2020 (LifeSiteNews) – Il presidente degli Stati Uniti Donald J. Trump ha dichiarato che il 22 gennaio, anniversario della decisione Roe v. Wade del 1973 che impone l’aborto su richiesta in tutto il paese, è “Giornata della santità nazionale della vita umana”.
In un proclama pubblicato ieri , Trump ha dichiarato che “ogni persona – i nati e i non nati, i poveri, gli abbattuti, i disabili, gli infermi e gli anziani – ha un valore intrinseco” e ha affermato che gli Stati Uniti “ribadiscono con orgoglio e fermamente il nostro impegno per proteggere il prezioso dono della vita in ogni fase, dal concepimento alla morte naturale“.
Ha propagandato i successi della vita della sua amministrazione in patria e all’estero.
Il proclama fa riferimento agli sforzi della sua amministrazione per costruire “una coalizione internazionale per dissipare il concetto di aborto come diritto umano fondamentale” e affermava che la sua amministrazione si opporrà “a qualsiasi progetto che tentasse di far valere un diritto globale all’aborto finanziato dai contribuenti su richiesta, al momento della consegna“.
Non ci stancheremo mai di difendere la vita innocente – in patria o all’estero“, ha promesso.
Il proclama fa inoltre riferimento al recente calo del numero e del tasso di aborti in America. 
Gli americani dovrebbero celebrare questo calo del numero e del tasso di aborti, che rappresenta vite salvate“, ha detto Trump.
Trump ha esortato il Congresso a “vietare l’aborto dei bambini a termine“. Sulla scia della campagna, ha ripetutamente citato la difesa portata avanti dai democratici dell’aborto durante tutti e nove i mesi di gravidanza e persino la loro opposizione al divieto di infanticidio .
Trump ha anche ringraziato in particolare i professionisti e coloro che sostengono le donne in “gravidanze inaspettate” e che aiutano a “fornire cure alle donne che hanno avuto aborti“.
Nella Proclamazione ha scritto:
Come nazione, dobbiamo rimanere fermamente rivolti alla verità profonda che tutta la vita è un dono di Dio, che dona a ogni persona valore e potenzialità incommensurabili. Innumerevoli americani sono instancabili difensori della vita e campioni per i più deboli tra noi. Siamo grati per coloro che sostengono le donne che hanno avuto gravidanze inaspettate, coloro che forniscono cure alle donne che hanno avuto aborti e coloro che accolgono i bambini nelle loro case attraverso l’affido e l’adozione. Nel National Sanctity of Human Life Day, celebriamo il meraviglioso dono della vita e rinnoviamo la nostra determinazione a costruire una cultura in cui la vita è sempre venerata.
Gli attivisti a favore della vita hanno già elogiato Trump per essere il “presidente più a favore della vita nella storia“. Ha nominato giudici conservatori e a favore della vita in vari tribunali; impedito ai dollari dei contribuenti di finanziare l’aborto all’estero ; ha tolto finanziamenti  al Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione, che coopera con il regime cinese di aborto forzato; ha firmato una legge che consente agli stati di tagliare fondi alla più grande corporation americana per l’aborto, Planned Parenthood; e tagliato circa $ 60 milioni a Planned Parenthood.
Di seguito il testo della Proclamazione:
Ogni persona – i nati e i non nati, i poveri, gli abbattuti, i disabili, gli infermi e gli anziani – ha un valore intrinseco. Sebbene ogni percorso sia diverso, nessuna vita è senza valore o è insignificante; i diritti di tutte le persone devono essere difesi. Nel National Sanctity of Human Life Day, la nostra Nazione ribadisce con orgoglio e forze il nostro impegno a proteggere il prezioso dono della vita in ogni fase, dal concepimento alla morte naturale.
Di recente, abbiamo visto riduzioni del numero totale e del tasso di aborti nel nostro paese. Dal 2007-2016, il periodo più recente di analisi, il numero e il tasso di aborti sono diminuiti rispettivamente del 24% e del 26%. Il tasso di gravidanze adolescenziali – la stragrande maggioranza delle quali non è pianificato – è quasi costantemente diminuito nell’ultimo quarto di secolo, contribuendo al più basso tasso di aborti tra gli adolescenti dalla legalizzazione dell’aborto nel 1973. Tutti gli americani dovrebbero celebrare questo calo del numero e tasso di aborti, che rappresenta vite salvate. Tuttavia, c’è ancora molto da fare e, come presidente, continuerò a lottare per proteggere le vite dei non ancora nati. Ho aderito alla legislazione in base al Congressional Review Act che consente agli Stati e ad altri beneficiari di escludere le organizzazioni che eseguono aborti dai loro progetti di Titolo X. La mia amministrazione ha inoltre emanato dei regolamenti per garantire che i progetti di pianificazione familiare del Titolo X siano chiaramente separati da quelli che svolgono, promuovono o si riferiscono all’aborto come metodo di pianificazione familiare; proteggere i diritti di coscienza degli operatori sanitari e delle organizzazioni, anche per quanto riguarda l’aborto; e garantire che il governo federale non costringa i datori di lavoro che obiettano, sulla base di credenze religiose o convinzioni morali, a fornire assicurazioni per i contraccettivi, compresi quelli che ritengono possano causare aborti precoci. Inoltre, ho invitato il Congresso ad agire per vietare gli aborti di bambini a termine che possono provare dolore.
La mia amministrazione sta inoltre costruendo una coalizione internazionale per dissipare il concetto di aborto come diritto umano fondamentale. Finora, 24 nazioni in rappresentanza di oltre un miliardo di persone hanno aderito a questa importante causa. Ci opponiamo a qualsiasi progetto che tenti di far valere un diritto globale all’aborto finanziato dai contribuenti su richiesta, fino al momento del parto. E non ci stancheremo mai di difendere la vita innocente – in patria o all’estero.
Come nazione, dobbiamo rimanere fermamente rivolti alla verità profonda che tutta la vita è un dono di Dio, che dona a ogni persona valore e potenzialità incommensurabili. Innumerevoli americani sono instancabili difensori della vita e campioni per i più deboli tra noi. Siamo grati per coloro che sostengono le donne che hanno avuto gravidanze inaspettate, coloro che forniscono cure alle donne che hanno avuto aborti e coloro che accolgono i bambini nelle loro case attraverso l’affido e l’adozione. Nel National Sanctity of Human Life Day, celebriamo il meraviglioso dono della vita e rinnoviamo la nostra determinazione a costruire una cultura in cui la vita è sempre venerata.
ORA, PERTANTO, IO, DONALD J. TRUMP, Presidente degli Stati Uniti d’America, in virtù dell’autorità che mi è stata attribuita dalla Costituzione e dalle leggi degli Stati Uniti, proclamo il 22 gennaio 2020 come Santità Nazionale di Giornata della vita umana. Oggi chiedo al Congresso di unirsi a me per proteggere e difendere la dignità di ogni vita umana, comprese quelle non ancora nate. Chiedo al popolo americano di continuare a prendersi cura delle donne in gravidanze inaspettate e di sostenere l’adozione e l’affido in modo più significativo, in modo che ogni bambino possa avere una casa amorevole. E infine, chiedo a tutti i cittadini di questa grande Nazione di ascoltare il suono del silenzio causato da una generazione persa a noi, e quindi di alzare la voce per tutti coloro che sono stati colpiti dall’aborto, sia visti che invisibili.
IN FEDE DI CHE, ho qui messo la mia mano questo ventunesimo giorno di gennaio, nell’anno del nostro Signore duemila venti, e dell’indipendenza degli Stati Uniti d’America il duecentoquarantaquattresimo.
DONALD J. TRUMP

3 Commenti a "Donald Trump istituisce la Giornata Nazionale della Santità della Vita il 22 gennaio, anniversario della Roe vs Wade."

  1. #Mario   23 Gennaio 2020 at 2:41 pm

    Trump ha anche annunnciato che parteciperà personalmente alla Marcia per la Vita, in programma a Washington questo week-end. Sarà il primo presidente degli Stati Uniti a partecipare a questo evento da quando è stato istituito.
    Avevo parecchi dubbi su di lui, quando è stato eletto, e di sicuro non mi piace tutto quello che fa, ma i responsabili dei movimenti americani per la difesa della vita sono molto contenti del suo operato e dicono che è il presidente più pro-life della storia del paese. Io ho fiducia in queste persone, e quindi anche in Trump.

    Rispondi
  2. #Luigi   23 Gennaio 2020 at 3:50 pm

    Peccato si sia dimenticato della sacralità della vita dell’ufficiale iraniano ucciso a sangue freddo, sennò sarebbe stato il massimo della coerenza

    Rispondi
  3. #Chiocciola   23 Gennaio 2020 at 5:58 pm

    @Luigi: eh, infatti..ci vuole coerenza per sostenere una posizione, tanto più quando si ricopre una carica pubblica di tale responsabilità.
    Comunque, ogni atto di bene gli varrà qualcosa.

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.