L’atto supremo del sacerdozio del Cristo: il sacrificio della Croce

da fsspx.news

Lo studio del sacerdozio di Gesù Cristo presentato in un precedente articolo porta naturalmente alla contemplazione dell’atto supremo del Sommo Sacerdote della Nuova Legge: il sacrificio della Croce.
È importante in considerazione delle reazioni alla nostra recensione del libro che il precedente papa, Benedetto XVI, ha scritto a quattro mani con il Cardinale Sarah. Abbiamo affermato che Joseph Ratzinger si basava su una concezione del sacerdozio e della messa errata perché contraddiceva l’insegnamento del Concilio di Trento e di San Tommaso d’Aquino.

Che cos’è un sacrificio?

I teologi comunemente distinguono il sacrificio in senso ampio e stretto.
– In senso lato, il sacrificio è ogni buona opera fatta in riverenza verso Dio. Può essere un atto puramente interno, secondo quanto dice il salmo 50: “il sacrificio a Dio è uno spirito contrito”, o anche esterno, come quando “chi fa misericordia offre un sacrificio” (Eccles. 35, 4).
– Il sacrificio in senso stretto è definito da San Tommaso come l’oblazione di una cosa sensibile (1) fatta a Dio solo per attestare il suo dominio supremo e la nostra sottomissione (2), da un certo cambiamento nella cosa offerta (3), e da un ministro legittimo che è propriamente un sacerdote (4) (Somma Teologica, II-II domanda 85, articoli da 1 a 4).

I vari elementi del sacrificio

Il sacrificio comprende un numero di elementi, tutti necessari per caratterizzare ciò che un sacrificio è in senso stretto.

Innanzitutto ci deve essere un’oblazione

Questo elemento è comune a qualsiasi sacrificio, in senso lato e nel senso stretto. Certamente, osserva San Tommaso d’Aquino, ogni oblazione non è un sacrificio. Tuttavia, nel sacrificio, l’oblazione interiore è più importante di ciò che viene fatto esternamente, al punto che questo segno esterno non avrebbe alcun valore religioso se fosse fatto senza un’oblazione interna.

L’oblazione riguarda una cosa sensibile

Come insegna San Tommaso, “È appropriato che l’uomo usi i segni sensibili per esprimere qualcosa, perché la conoscenza è viene dai sensi. Ed è la ragione naturale che guida l’uomo nell’uso di certe cose sensibili per offrirle a Dio, come segno di sottomissione e onore, secondo la somiglianza di coloro che offrono oggetti ai loro padroni in riconoscimento del loro dominio”. La cosa sensibile è quindi la causa materiale.
Ne consegue che il sacrificio esterno, in quanto esterno, è un segno, poiché il sacrificio interno è un’azione morale che procede dalla virtù di religione. San Tommaso riprende qui Sant’Agostino nella Città di Dio: “Ogni sacrificio visibile è il sacramento di un sacrificio invisibile, vale a dire, è un segno sacro”. Pertanto, il segno esterno è valido solo nella misura in cui manifesta o significa l’atto interno. Altrimenti, voler contare solo su segni esterni equivale a farisaismo, a un’apparenza di religione.

Questa cosa sensibile è offerta a Dio solo

Il sacrificio è un atto di adorazione che è dovuto esclusivamente a Dio solo. “Il sacrificio che viene offerto esternamente significa il sacrificio spirituale interiore, mediante il quale l’anima si offre a Dio. (…) L’anima si offre a Dio come sacrificio, come al principio della sua creazione e alla fine della sua beatificazione. Ora secondo la vera fede, solo Dio è il creatore delle nostre anime, e la nostra beatitudine consiste solo in Dio. Così come dobbiamo offrire un sacrificio spirituale a Dio solo, così dobbiamo offrire sacrifici esterni solo a lui”(San Tommaso, op. Cit., Articolo 2).
Un onore speciale di adorazione è dovuto alla suprema eccellenza di Dio, ed è questo che esprime il sacrificio. Il sacrificio è quindi eminentemente un atto di religione, le cui finalità espresse in un rito consistono in:
– Manifestare il dominio supremo di Dio su tutte le cose;
– Manifestare l’intera sottomissione dell’uomo a Dio;
– Manifestare inoltre che Dio non ha bisogno delle creature (l’olocausto in particolare);
– Esprimere la richiesta di espiazione per i peccati.

Devono esserci dei cambiamenti nella cosa offerta

San Tommaso usa parole generiche poiché parla di tutti i tipi di sacrifici, anche non cruenti. Per dimostrare che il sacrificio è un atto speciale della virtù di religione, distinto dalla semplice oblazione, afferma che “parliamo propriamente di sacrificio, quando si fa qualcosa alle cose offerte a Dio, come quando gli animali sono uccisi e bruciati, quando il pane viene spezzato, mangiato e benedetto. Il nome dice tutto, perché il sacrificio significa che l’uomo fa qualcosa di sacro (sacrum-facere). Ora oblazione significa direttamente che qualcosa viene offerto a Dio, anche se non gli accade nulla, come quando si dice che del denaro e del pane sono offerti all’altare, senza che essi subiscano nulla. Quindi, ogni sacrificio è un’oblazione, ma non il contrario”, ogni oblazione non è sacrificio. La cosa offerta deve subire un cambiamento ed è questo cambiamento che caratterizza il sacrificio cultuale.

Il sacrificio deve essere fatto da un ministro legittimo

Il sacrificio è un atto speciale di religione, non solo interno ed esterno, ma pubblico, vale a dire offerto non per l’unico offerente ma per il popolo. Deve anche essere offerto da un ministro pubblico, deputato in questo ufficio, che agisce per conto di tutti: “Ogni sommo sacerdote, preso fra gli uomini, viene costituito per il bene degli uomini nelle cose che riguardano Dio, per offrire doni e sacrifici per i peccati” (Eb 5: 1). È questo sacrificio esterno che i fedeli offrono con il sacerdote, aggiungendovi la propria oblazione interna.

Il sacrificio del Calvario

Questi concetti si trovano nel sacrificio di Cristo alla Passione: atto di religione dell’offerente, oblazione e immolazione (questi sono gli elementi essenziali), consacrazione della vittima, riconciliazione e unione con Dio … Il sacrificio è tutto questo in vari aspetti.

Come atto di religione, la Passione di Cristo è il sacrificio per eccellenza

San Tommaso scrive: “Di tutti i doni che Dio ha fatto all’umanità che è caduta nel peccato, il principale è quello del proprio Figlio. Perciò si dice in San Giovanni (3, 16): Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, affinché chiunque creda in lui non perisca, ma abbia la vita eterna. Quindi il sommo sacrificio è quello per cui Cristo ‘si è offerto a Dio in sacrificio di soave odore ‘ (Ef. 5, 2) “(Somma Teologica, I-II, 102, 3).

I due elementi essenziali di ogni sacrificio, offerta e immolazione, si incontrano al Calvario

L’offerta innanzitutto: “Cristo si è offerto volontariamente alla passione e, da questo punto di vista, ha veramente realizzato l’idea dell’ostia” (III, 22, 2, ad 2). Poi l’immolazione : “Cristo, come dice sant’Agostino nella Città di Dio (libro X, cap. VI), si è offerto nella Passione per noi” (III, 48, 3). E aggiunge immediatamente: “Che Cristo abbia sofferto volontariamente la Passione, è stato estremamente gradito a Dio, perché il motivo era la carità. È quindi evidente che la Passione di Cristo è stato un vero sacrificio”.
Un brano del Compendio di teologia spiega chiaramente il pensiero del santo Dottore. Afferma con forza il carattere volontario della morte di Cristo. Specifica che Cristo “è morto non per necessità, ma per il suo potere e la sua volontà; così disse in San Giovanni (10:18): Ho il potere di offrire la mia vita e ho il potere di riprenderla”(cap. 230).
Il motivo è che “tutto ciò che era naturale in Cristo, in ragione della sua natura umana, veniva dalla sua volontà a causa della potenza della sua divinità, a cui tutta la natura è soggetta. Era quindi nella potenza di Cristo che, per tutto il tempo che l’avesse desiderato, la sua anima rimanesse unita al suo corpo e che, non appena l’avesse voluto, la sua anima fosse separata dal suo corpo”(Ibid.).
San Tommaso dice anche altrove: “Cristo non può essere accusato di suicidio; perché (…) se l’anima ha il potere di lasciare il corpo o di ritornarci quando vuole, non ci sarebbe più colpa nel lasciarlo, di quanto non ci sia per un proprietario di lasciare la casa in cui vive”(Quodlibet I).
Pertanto, la Croce è un vero sacrificio. C’è il sommo sacerdote, la vittima divina e il compimento rituale del sacrificio mediante la separazione volontaria dell’anima e del corpo di Cristo. Il sacrificio è quindi interno ed esterno; è pubblico, compiuto da chi è approvato come Sacerdote da Dio. La Croce è veramente un culto nel pieno senso del termine, è persino Il culto del Nuovo Testamento, l’Alleanza conclusa da Cristo nel suo Sangue.
Il fatto che i carnefici romani non avessero alcuna intenzione religiosa non influiva sulla questione. Svolgono il ruolo di strumenti usati da Dio per disporre la vittima alla sua immolazione, senza realizzarla. Perché è per sua stessa volontà che Cristo separa la sua anima dal suo corpo, come insegna San Tommaso con tutta la Tradizione. Quindi se la Croce non è un atto di culto, come scrive l’ex papa Ratzinger, non è un sacrificio in senso pieno.

Il fine del sacrificio della croce

Ciò che caratterizza il sacrificio del Calvario è che l’offerente è identico all’offerta: Cristo è sia sacerdote che vittima, poiché è lui stesso che si offre a suo Padre. Cristo svolge sia il ruolo di vittima per il peccato, poiché ha ottenuto per noi il perdono dei nostri peccati; una vittima pacifica, perché ci dà la grazia che ci salva; e l’olocausto, meritando per noi la gloria, che consuma la perfetta unione dell’uomo con Dio (III, 22, 1 e 2; 48, 3).

L’oblazione di Cristo al Calvario

Resta da chiarire come si manifesta l’oblazione sensibile e rituale compiuta da Cristo come sacerdote e che ha dato alla sua immolazione il valore del sacrificio. Il padre gesuita Maurice de la Taille ha cercato questa oblazione sensibile e rituale nell’Ultima Cena che, con le parole della consacrazione, rappresenta in anticipo l’immolazione della Croce e costituisce l’oblazione reale e attuale della vittima il giorno dopo. Di conseguenza, l’Ultima Cena e il sacrificio del Calvario sarebbero stati un solo sacrificio: durante l’Ultima Cena, sarebbe stata fatta l’oblazione non cruenta del sacrificio cruento che avrebbe avuto luogo al Calvario. 
Questa interpretazione non solo si scontra con l’opinione comune dei teologi, ma non tiene sufficientemente conto della dottrina del Concilio di Trento che applica il termine di sacrificio sia alla Messa sia all’immolazione del Calvario: “Se qualcuno dice che il sacrificio della messa infligge una bestemmia o mina il santissimo sacrificio di Cristo compiuto sulla Croce, sia anatema! »(Denzinger, n ° 1754) Il Concilio di Trento distingue quindi chiaramente due sacrifici. Dice che anche l’Ultima Cena è un vero sacrificio.
Inoltre, il Concilio parla di una doppia oblazione, una sull’altare della Croce, l’altra al tempo dell’Ultima Cena (Denzinger, n ° 1739-1741). Non è quindi possibile unire l’Ultima Cena e la Croce per formare un solo sacrificio.
E si deve quindi sostenere che al Calvario c’era una vera oblazione: ma come si è manifestata questa oblazione, che deve essere sensibile? Dalle parole di Cristo durante la sua Passione e dalle circostanze che la accompagnano. Lui stesso aveva detto: “Nessuno mi toglie la vita, ma io la dono da me stesso” (Gv 10, 18). Ora, sulla croce, Cristo grida: “Padre, nelle tue mani rimetto il mio spirito” (Lc 23, 46); questo grido è l’espressione di questa oblazione che Cristo testimonia durante la sua Passione accettando volontariamente i colpi e la crocifissione.
È quindi impossibile affermare una causalità dell’Ultima Cena in relazione alla Croce. L’Ultima Cena è una rappresentazione della Croce – la significa davvero – anticipata, proprio come la Messa ne è una rappresentazione successiva. Ora la Messa non ha causalità sulla Croce! Bisogna quindi dire che l’Ultima Cena è un sacrificio per quanto la Croce sia una, allo stesso modo in cui la Messa è un sacrificio per quanto la Croce sia una.
L’Ultima Cena ha stabilito la struttura rituale per la perpetuazione del sacrificio della Croce da parte del santo sacrificio della Messa, un sacrificio offerto dai sacerdoti costituiti da Cristo il Giovedì Santo per adempiere a questo ufficio.

Un commento a "L’atto supremo del sacerdozio del Cristo: il sacrificio della Croce"

  1. Pingback: L’atto supremo del sacerdozio del Cristo: il sacrificio della Croce – Blog di Scrillo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.