Nuovi deragliamenti bergogliani: “Dio non è Mandrake e non ha la bacchetta magica”

“Alle volte ci vengono teorie che ci fanno presentare un Dio astratto, un Dio ideologico… Un’idea, perfetto; e che ti provano l’esistenza di Dio come fosse una matematica “, invece “i santi… Hanno capito cosa è credere in un Dio che è Padre e non in un dio-Mandrake, con la bacchetta magica”. Lo ha detto Papa Francesco in un’intervista a Tv2000, riferisce l’ANSA.

Al netto delle solite colorite ambiguità, aggiungiamo una nota sulla frase “e che ti provano l’esistenza di Dio come fosse una matematica“. Risulta insegnamento definitivo quanto segue:

La santa Chiesa, nostra Madre, sostiene e insegna che Dio, principio e fine di tutte le cose, può essere conosciuto con certezza con il lume naturale della ragione umana partendo dalle cose create” [Concilio Vaticano I: Denz.-Schönm., 3004]

Un commento a "Nuovi deragliamenti bergogliani: “Dio non è Mandrake e non ha la bacchetta magica”"

  1. #bbruno   7 Febbraio 2020 at 6:43 pm

    L’esistenza di Dio è provata dai cieli che narrano la sua gloria e dal firmamento che dà notizia dell’opera delle sue mani. E le parole di questa comunicazione divina sono chiare, accessibili a tutti Salmo 18), fuorché ai truffatori di Dio, che la loro empietà pagano con lo sconcio e la goffaggine della loro vita (Rom.1)

    ( nemmeno l’intelligenza di tacera ha costui, che appunto parlando dà la prova della sua impostura)

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.