La messa (nuova) è finita. #restateacasa in pace.

Image by Tim Hill from Pixabay

di Giuliano Zoroddu

Senza che vi siano state particolari e pressanti richieste governative, la Conferenza Episcopale Italiana, seguita a ruota da quelle delle varie regioni, ha drasticamente messo in atto il Decreto del presidente del consiglio per far fronte all’emergenza Coronavirus. Pertanto – con una diligenza quasi superiore a quella dei preti della Securitate – in virtù del medesimo decreto ha sospeso ogni forma di culto pubblico.

Certamente noi sappiamo che ogni atto sacro della Chiesa, specialmente la messa, è un atto pubblico e sociale, ma sappiamo anche che nella messa nuova questo concetto è molto intaccato, in quanto la “cena del Signore” è celebrata dal “popolo di Dio sotto la presidenza del sacerdote”, per cui l’atto di sospenderla nell’assistenza da parte dei fedeli, se di suo può anche essere giustificato per motivi igenico-sanitari, nel contesto dei riti montinian-bugniniani assume ben altro significato.

E curiosamente – o provvidenzialmente? – tali tragici avvenimenti capitano proprio nel cinquantesimo della messa nuova. Che sia un segno dei tempi da interpretare? La domanda la rivolgiamo ai modernisti… che di segni dei tempi si proclamano esperti. Ma la totale mancanza di senso soprannaturale, forse, glielo renderà un po’ ostico.

Un commento a "La messa (nuova) è finita. #restateacasa in pace."

  1. #bbruno   9 Marzo 2020 at 11:14 pm

    LA MESSA (NOVA) È FINITA, # RESTATE IN PACE- A CASA VOSTRA!

    Dove non poté la logica, poté il coronavirus…Chiese chiuse, e che Dio sia lodato!
    Che Dio non ne potesse davvero più dell’ “offerta del frutto del nostro lavoro” (cfr Offertorio Nova Messa) ? Di questo bel nostro lavoro: aborto eutanasia gender LGTB Queer omo-coniùgi ventri-affittati bimbi-affidati ingegnerismo genetico e… cocktail di religioni!…
    Una mole di lavoro di cui andare davvero fieri, e presi alla sprovvista e in contropiede da un …bel virus coronato!

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.