Nuova recensione a cura di Luca Fumagalli

>>> Il destino dell’Italia. Dalla Rivoluzione unitarista al dissolvimento odierno. Per capire e reagire <<<

Massimo Viglione non ha certo bisogno di presentazioni. Ricercatore e docente universitario legato al mondo cattolico “tradizionalista”, ha scritto numerosi saggi a carattere storiografico. I suoi testi, dedicati a temi non convenzionali, “scomodi”, di cui pochi hanno il coraggio di parlare, sono ben confezionati e accattivanti, contraddistinti da una prosa che non annoia mai.

Il destino dell’Italia (Edizioni Radio Spada, 2016) si situa nel medesimo solco. Il libro parla di quella Rivoluzione che ha distrutto la vera Italia per costruirne una radicalmente nuova, massonica e anticattolica. Dal Risorgimento fino alla Seconda Repubblica si è infatti assistito a un processo di pervertimento dell’identità nazionale, a un «fare gli italiani» che non ha generato altro se non nuovi scontri e miserie. Al cattolicesimo, l’unico collante di una Penisola da sempre divisa in una miriade di stati e staterelli, il movimento unitario ha voluto forzatamente sostituire un culto della Patria di chiara derivazione giacobina, il quale, col passare dei decenni, ha condotto l’Italia nelle grinfie del mondialismo globalizzante, senza Dio né identità. Ciò è ancora più inquietante se si pensa che gli italiani sono stati per moltissimo tempo i protagonisti della civiltà umana.

Il saggio Il destino dell’Italia si presenta quindi come un’accattivante e originale storia delle idee. Viglione amplia l’orizzonte d’indagine – in libri simili solitamente ridotto al solo Ottocento – per rintracciare i germi della Rivoluzione italiana anche nel XX e nel XXI secolo. Nulla si tace, ad esempio, di quel «secondo Risorgimento» che fu il Fascismo, o della galoppante laicizzazione della Penisola a cui la Democrazia Cristiana, satura di modernismo, diede paradossalmente un contributo determinante. Mai come in quest’opera emerge così chiaramente quella sottile linea che unisce logicamente tanti punti dell’epopea nazionale e che svela una “controstoria” d’Italia a dir poco inquietante.

>>> Il destino dell’Italia. Dalla Rivoluzione unitarista al dissolvimento odierno. Per capire e reagire <<<