Gestione del coronavirus? La Grecia non è più la “pecora nera” dell’Europa: intervista al Primo Ministro

Traduzione di Massimo Micaletti per Radio Spada dal New York Times (18 aprile 2020). Al netto di alcune premesse e della conclusione, è un testo interessante:


ATENE – La Grecia non è più la pecora nera d’Europa, avendo dimostrato disciplina e capacità di resistenza nella gestione dell’epidemia di coronavirus, ha affermato il Primo Ministro Kyriakos Mitsotakis.

Ha anche affermato nell’intervista pubblicata sabato che era sicuro che la sua mossa di imporre presto restrizioni per contenere il virus fosse giusta, nonostante l’impatto sull’economia di un paese che è appena emerso dai salvataggi internazionali nel 2018.

Ha dichiarato al quotidiano Kathimerini che si aspetta che i guasti nei conti pubblici della Grecia siano guariti nel 2021.

La Grecia, con una popolazione di circa 10 milioni, ha registrato un numero basso di casi rispetto ad altri paesi europei. Finora ha riportato 2.224 infezioni dal suo primo caso emerso alla fine di febbraio.

Ma le restrizioni, che sono ampiamente osservate, colpiranno la sua fragile economia, che si sta ancora ricostruendo dopo una crisi del debito lunga quasi un decennio in cui ha combattuto infinite battaglie con coetanei dell’UE e istituti di credito internazionali e ha dovuto affrontare critiche per un approccio spericolato ai conti pubblici ufficiali e alla spesa pubblica per ogni settore.

Le stime di una recessione per la Grecia quest’anno oscillano tra il 4% e il 10%.

“Ci sono mattine quando mi sveglio e penso: era necessario? Ci aspettavamo un ottimo anno dal 2020 a livello finanziario, e onestamente pensavo di esserci lasciati alle spalle la crisi”, ha detto a Kathimerini.

“Ciò che consola, tuttavia, è che non siamo più un caso speciale. Non siamo una pecora nera. E questo, credo, sia di grande importanza per la nostra psicologia collettiva”, ha aggiunto.

La profonda recessione quest’anno sarà seguita da una forte crescita nel 2021, stima. La Grecia ha raccolto 2 miliardi di euro vendendo obbligazioni settennali la scorsa settimana.

“Il fatto che abbiamo affrontato questa pandemia e il suo impatto collettivamente, con una disciplina che era inaspettata da molti, dimostra che siamo resistenti”, ha detto Mitsotakis.

“Siamo maturati e stiamo ricostruendo qualcosa che mancava non solo negli anni della crisi, ma nel complesso nella storia recente del paese, che è la fiducia, la fiducia nelle istituzioni e nello stato”.

Per non fallire, la Grecia ha sottoscritto tre salvataggi internazionali nel periodo 2010-2015, quando ha barcollato sull’orlo di un’uscita dalla zona euro. Da allora, la sua economia sta gradualmente emergendo dalla crisi.

Un commento a "Gestione del coronavirus? La Grecia non è più la “pecora nera” dell’Europa: intervista al Primo Ministro"

  1. Pingback: Gestione del coronavirus? La Grecia non è più la “pecora nera” dell’Europa: intervista al Primo Ministro – Blog di Scrillo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.