Il trionfo di Gesù Cristo nei salmi (2)

di Padre Patrick Troadec FSSPX
da fsspx.news

Il trionfo di Gesù Cristo tra gli eletti del Cielo

Nostro Signore è morto per tutti gli uomini, anche se purtroppo non tutti possono godere dei benefici della sua Passione. Per accedere al Cielo, è necessario credere in lui e seguire la sua Legge. In qualsiasi momento, Dio è pronto a perdonare gli uomini a condizione che riconoscano le loro colpe ad immagine del buon ladrone che rimprovera il compagno dicendogli: “Per noi, è giustizia se soffriamo, ma lui [Gesù], non ha fatto nulla di male” (Luca 23:41). Questo bandito pentito udì le consolanti parole di Gesù: “Oggi sarai con me in Paradiso”. Quindi coloro che muoiono nel Signore senza il minimo debito vanno in Paradiso, immediatamente la loro anima torna a Dio”.
La felicità del Cielo consiste nella visione di Dio. L’anima in Cielo vede l’essenza divina in una visione intuitiva e faccia a faccia. Nostro Signore Gesù Cristo descrisse questa visione in questi termini: “La vita eterna è che loro conoscano te, l’unico vero Dio e colui che hai inviato, Gesù Cristo” (Gv 17, 3 ) E l’apostolo San Giovanni specifica: “Saremo come lui, perché lo vedremo così com’è” (1 Gv 3, 2). “Ora”, scrive San Paolo, “vediamo come in uno specchio in modo oscuro, ma poi vedremo faccia a faccia” (1 Cor 12, 12). È a questa visione benedetta che aspira il Salmista. Questa visione porta gioia incomparabile e pace indicibile che immerge l’anima nel vero riposo. È reso possibile dalla luce della gloria. L’anima che ne gode esprime la sua gratitudine in lode eterna. Questa è la corona di gloria che Dio riserva a coloro che lo amano.


Beatitudine del Cielo
Dio ci ha creati per la felicità, quella felicità che abbiamo perduto per il peccato dei nostri protoparenti e per i nostri difetti. Il Paradiso ci era chiuso. Ecco perché Nostro Signore, vero Dio e vero uomo, scese sulla terra e accettò di morire sulla croce, assumendosi il peso dei nostri peccati. Con la sua morte, ha vinto la Morte e ha riaperto le porte del Cielo dove regna una felicità inesprimibile. Sì, l’eterna gioia che risulta dalla visione immediata dell’essenza divina e dell’amore beato è ineffabile. “Che gioia essere ammessi a vedere Dio, esclamò San Cipriano, essere onorati con Cristo Signore! Sarà la gioia della salvezza e della luce eterna, con i giusti e tutti gli amici di Dio in questo regno in cui è assicurata l’immortalità”1
Ma cos’è esattamente la felicità del Paradiso? San Tommaso lo spiega dal primo versetto del Salterio. “Beato l’uomo!” sal.1, 1. “Tutte le fibre dell’intelligenza e del cuore sono sollevate con questa parola così semplice e così completa nella sua espressione, che apre la mirabile raccolta dei canti ispirati di Davide: Beato. Questa parola sembra rivolta all’esiliato che sente parlare della patria; al bambino, che ha appena sentito dire il nome della famiglia cara che ha perso. Che cos’è la felicità? Nel suo significato più ampio, è il bene perfetto di tutto l’essere, è uno stato perfetto dell’unione di tutti i beni, è uno stato in cui non è rimasto nulla da desiderare, nulla da ottenere”.
Il Salmista spera di raggiungere la felicità nella “terra dei vivi“, un’espressione pittorica che designa il Cielo. “Credo“, disse, “che vedrò i beni del Signore nella terra dei vivi“. (Sal 26:13) Il dottore angelico commenta questo versetto come segue: “Credo che vedrò Dio faccia a faccia. La visione di Dio è la vita eterna, come riferisce San Giovanni (cfr Gv 17, 3). Questa terra è quella dei vivi, perché proprio come la terra soffre in attesa di essere vivificata dal Cielo, così la vita del beato riceve immediatamente la sua perfezione da Dio”.
La felicità del Paradiso è tale che il Salmista può dire in tutta verità: “Sarò saziato, [o mio Dio], quando mi rivelerai la tua gloria“. Bourdaloue specifica il significato di questa espressione: “Tutti i miei desideri cesseranno, perché troverò nella tua gloria la pienezza della felicità, la pienezza del riposo, la pienezza della gioia; perché questa gloria, quando la possiederò, sarà per me l’emancipazione da ogni male e il godimento di ogni bene. È così che parlava David. È stato per esagerazione o nel trasporto di un’estasi? No, parlava secondo il primo sentimento che sorse nella sua anima; e non dobbiamo sorprenderci se, per descrivere la beatitudine celeste, abbia usato un’espressione come questa: sarò saziato; perché che la gloria e la ricompensa degli eletti, a cui sospirava, non era altro che Dio stesso. Questo è il segreto di questa incomprensibile felicità che i santi godranno in Cielo. Possiederanno Dio”2.
Per evitare che si possa ritenere che la gioia degli eletti sia paragonabile a quella vissuta quaggiù, il Salmista dice: “Sono come nella gioia, quelli che dimorano in te” (Sal 86,7). Sant’Agostino si chiede: “Come nella gioia”, cosa significa? Significa che ci sarà una gioia che non conosciamo qui. Vedo qui molte gioie, molti gioiscono nella vita del secolo, alcuni di una cosa, altri di un’altra, ma non c’è gioia che possa essere paragonata alla gioia dell’eternità. Se dico che è una gioia, lo spirito dell’uomo la paragonerà presto ad una gioia che è abituato a provare nei godimenti della terra. Quindi prepariamoci per un nuovo tipo di gioia, perché quaggiù possiamo solo trovare qualcosa che sembra simile ma che non è esattamente quella”.


La pace del Cielo
Tra le disposizioni interiori dell’anima beata, oltre alla gioia, il re profeta menziona la pace, il delizioso frutto della sua unione con Dio. Il Salmista lo vide quando scrisse: “Il Signore annuncerà la pace per i suoi santi” (Sal 84, 9) “Quando ci sarà la pace perfetta? Si chiede Sant’Agostino e risponde: “Quando la morte verrà assorbita dalla vittoria, la pace sarà intera ed eterna. Saremo quindi gli abitanti di una città di cui vorrei parlare all’infinito, quando la nominai una volta, in un momento in cui gli scandali stanno diventando più frequenti. Chi non vorrebbe questa città, da dove non uscirà nessun amico, dove nessun nemico entrerà; dove non ci sarà né tentatore né sedizioso; dove nessuno dividerà il popolo di Dio? Ci sarà quindi una pace purificata da tutte le imperfezioni per i figli di Dio, che si ameranno l’un l’altro e si vedranno ripieni di Dio, mentre Dio sarà tutto in tutti (cfr 1 Cor 15, 28). Avremo Dio come spettacolo comune, avremo Dio come possesso comune, avremo Dio come pace comune. Qualunque bene ci dia ora, allora prenderà il posto di tutto ciò che ci dà oggi: sarà pace piena e perfetta”.


Il riposo del Paradiso
Oltre alla felicità e alla pace, un altro termine che torna sulle labbra del Salmista per esprimere la vita dei santi in cielo è quello del riposo. Durante la sua magnifica liturgia, la Chiesa cattolica implora il riposo eterno (requiem aeternam) per i suoi cari defunti. Dall’Antico Testamento, il Salmista già sospirò dopo questo riposo da quando scrisse: “Entra nel tuo riposo, o anima mia, perché il Signore ti ha inondato di cose buone, poiché ha liberato la mia anima dalla morte, i miei occhi dalle lacrime, i miei piedi da ogni caduta” (Sal 114, 7-8).
San Giovanni Crisostomo spiegò ai suoi fedeli in che senso si può dire che la morte è un riposo per coloro che muoiono in uno stato di grazia. “In senso anagogico, possiamo definire la nostra partenza da qui una vera liberazione, un vero riposo. È davvero per noi una vera emancipazione da tutti i mali imprevisti, cessiamo di essere soggetti ad una crudele incertezza, la nostra felicità è assicurata non appena lasciamo la vita, il cuore pieno di speranze legittime. È attraverso il peccato, è vero, che la morte è entrata nel mondo, ma Dio l’ha fatto servire al nostro bene; e non contento di aver permesso la morte, voleva che la nostra vita fosse laboriosa e dolorosa, così che aspirassimo con tutto il cuore alla beatitudine del Cielo.
“Hai liberato i miei occhi dalle lacrime”. È un linguaggio pieno di verità, perché in Paradiso non c’è più tristezza, né dolore, né lacrime. “E i miei piedi da ogni caduta”. Questa grazia è maggiore della prima. Come? Perché non solo siamo liberi da ogni dolore, ma da tutti i pericoli e tutte le insidie. Chi esce da questa vita accompagnato dalle sue buone opere si appoggia sulla terra ferma, è entrato nel porto sicuro, non deve più temere per il futuro né ostacoli, né agitazioni, né problemi. Morendo in questo stato, entra in possesso di una tranquillità assicurata per l’eternità. Dio vuole che abbiamo sempre gli occhi fissi in questo giorno dell’eternità. Colui il cui cuore è infiammato da questo amore e che si nutre della speranza di beni eterni non è mai sopraffatto dalle tempeste della vita attuale, né superato dalle dolorose prove di questo mondo. Leghiamoci quindi a questi beni eterni, per arrivare a possederli e godere di questa vita immortale“.


La corona di gloria
San Pietro parla di una “corona di gloria che non appassisce” (1 Pietro 5, 4), mentre San Paolo afferma che “la nostra leggera afflizione del momento presente produce per noi, oltre ogni misura, un pegno eterno di gloria”(2 Cor 4:17). Il Salmista profetizzò questa magnifica ricompensa.
Anima mia, benedici il Signore che ti incorona di compassione e misericordia” (Sal 102, 2 e 4). Sant’Agostino mostra che l’incoronazione degli eletti è il frutto più della grazia che dei nostri meriti. “Forse hai iniziato a concepire una presunzione ascoltando queste parole: ti incorona. Quindi sono grande, hai detto, quindi ho combattuto vittoriosamente. Con quale forza? Con la tua, ma è venuta da lui. […] Non essere mai orgoglioso di te stesso; loda sempre il Signore, non dimenticare mai tutto ciò che è ti ha dato. Quello che ha fatto per te che, pur essendo peccatore ed empio, sei stato chiamato alla giustificazione. Quello che ti ha dato è di sollevarti e guidarti per impedire che tu possa cadere. Ciò che ti ha dato è la forza per poter perseverare fino alla fine. Ciò che ti ha dato è che la tua carne, il cui peso ti ha oppresso, un giorno resusciti senza che un capello perisca. Ciò che ti è dato è che dopo la tua risurrezione tu sia incoronato. Quello che ti ha dato è di lodare Dio all’infinito per l’eternità. Quindi non dimenticare ciò che Dio ti ha dato se vuoi che la tua anima benedica il Signore che ti incorona di compassione e misericordia“.


Elogio dei santi
Che gioia è per i santi di gustare il bene infinito, la bellezza perfetta che è Dio stesso! Estasiati da così tanto fascino e gioia, ringraziano costantemente Dio e lo lodano incessantemente per averli guidati così bene, per aver operato in loro così tante meraviglie. Il Salmista annuncia ripetutamente questo elogio perpetuo degli eletti in più forme. Sognando di raggiungere l’eternità beata, esclama: “Beati quelli che abitano nella tua casa, Signore! Ti loderanno nei secoli dei secoli“. Mentre il termine “tenda” nei salmi indica la vita presente, il termine “casa” designa il Cielo. Ma qual è esattamente la lode degli eletti in Cielo? Sant’Agostino si chiede: “Dicci allora cosa faremo in Paradiso: ti loderanno nei secoli dei secoli. Questa sarà la nostra unica occupazione, un’alleluia infinito. E non pensare che possa esserci disgusto, con il pretesto che, se oggi lo ripetessi molto tempo, non potresti perseverare, perché è la necessità che ti allontana da questa gioia”.
“Non preoccuparti, la lode di Dio, l’amore di Dio non ci sazierà mai. Se potessi smettere di amarlo, potresti smettere di lodarlo. Ma se il tuo amore per Dio è eterno, la tua vista sarà mai sazia della sua bellezza. Non preoccuparti di poter sempre ricevere quello che puoi sempre amare. Sospiriamo verso questa vita celeste”.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.