Come noto, il bachettonismo farisaico non abita dalle parti di Radio Spada ma la Pasqua è e rimane un cosa seria e come tale va sempre trattata.

La CEI, nella sua pluridecennale rincorsa (in perenne ritardo) di un mondo che viaggia decisamente più veloce, ha deciso di ingaggiare l’abile comico Cevoli per fare gli auguri ai fedeli e spiegare alcuni misteri.

L’esito dell’operazione lo lasciamo giudicare a voi.

Nota finale per i distratti: siamo tutti bruchi chiamati a diventare farfalle ma molti, la maggioranza dice la sentenza comune, non lo diventeranno, dannandosi per sempre. Il senso della Pasqua è anche questo: ricordarci che dobbiamo stare con Risorto e non con Giuda e Caifa.

Siamo tutti destinati a diventare farfalle! Gli auguri di Buona Pasqua da Paolo Cevoli

Pubblicato da CEI – Conferenza Episcopale Italiana su Domenica 12 aprile 2020