Messa nuova per il ‘tempo di pandemia’: niente castighi e richieste di cessazione

Il Missale Romanum cosiddetto di San Pio V contiene fra le messe votive una messa pro vitanda mortalitate vel tempore pestilentiae. Quando dopo il Concilio a tavolino si creò il nuovo messale di Paolo VI i riformatori (rectius distruttori) non si pensò ad un suo surrogato. Per sopperire a questa mancanza è intervenuto il 30 marzo scorso un decreto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti che istituisce una messa in tempo di pandemia. Messa dal formulario invero un po’ povero e penoso ed ovviamente inconciliabile con quello tradizionale.
Mentre infatti nel formulario della messa di sempre si prega Dio di “rimuov[ere] con clemenza i flagelli della sua ira” – ed il concetto della ira di Dio e dei suoi castighi torna nell’orazione segreta e nel post-communio e ancora nell’introito, nell’epistola che racconta di come “il Signore mandò la peste in Israele” (2Reg. 24, 15), e nell’antifona all’offertorio – in quello nuovo il concetto di castigo è del tutto assente e a Dio si chiede solamente di prestare aiuto ai sanitari e consolare e guarire ai malati e illuminare i governanti.
Cosa surreale poi, sebbene la messa sia “in tempore universalis contagii” gli autori del nuovo formulario di questo “universale contagium” a Dio non chiedono neppure la cessazione … misteri dei neo-liturgisti!
Il tutto non ci stupisce: tralasciando l’inanità delle formule, per i modernisti, che non professano la fede cattolica, Dio non castiga. Sono più propensi, da “buoni” panteisti, a credere che le epidemie derivino dalla ribellione di madre natura sfruttata dall’uomo.

Un commento a "Messa nuova per il ‘tempo di pandemia’: niente castighi e richieste di cessazione"

  1. #bbruno   4 Aprile 2020 at 11:08 pm

    loro non credono nei castighi e quindi non ne chiedono la cessazione, essendo loro -maestri di apostasia – la causa prima dei castighi, che, nel loro odio contro l’uomo, non vogliono che cessino.
    Quando invece per la fede cattolica, altra cosa da quella dei ‘riformatori’, ogni calamità e ogni sofferenza sono il segno che Dio induce sull’ umanità per muoverla al timore verso di Sé, e quindi alla sapienza del retto vivere, secondo che leggiamo nel salmo : “Il timore del Signore è il principio della sapienza; hanno buon senso quanti lo praticano.”

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.