Enzo Bianchi, per cui il Dio di Fatima “non è credibile”, è stato silurato con un decreto firmato il 13 maggio

Su questo argomento abbiamo già pubblicato:

Un Dio che, nel 1917, pensa di rivelare che i cristiani saranno perseguitati e che non parla della shoah e dei sei milioni di ebrei annientati non è un Dio credibile”.

Questa l’affermazione di Enzo Bianchi riportata da La Repubblica a inizio dicembre 2015.

Come sapete Radio Spada non attribuisce a queste coincidenze un peso superiore a quello che hanno, tuttavia – a titolo di pura curiosità – si noti che il decreto con cui Bianchi viene cacciato dallo pseudomonastero che ha fondato è stato firmato dal card. Parolin il 13 maggio 2020, anniversario della nota apparizione.


Il tredici maggio
apparve Maria
a tre pastorelli
in Cova d’Iria.

Ave ave ave Maria,
ave ave ave Maria.

Splendente di luce
veniva Maria
il volto suo bello
un sole apparia.

Dal cielo è discesa
a chieder preghiera
pei gran peccatori
con fede sincera.

4 Commenti a "Enzo Bianchi, per cui il Dio di Fatima “non è credibile”, è stato silurato con un decreto firmato il 13 maggio"

  1. #bbruno   28 Maggio 2020 at 10:25 pm

    Per fortuna che abbiamo lui come credibile, uno che altri a giusta ragione iscriverebbe tra “I Bugiardi della Shoà” (cfr. Anne Kling).
    ( che il comunismo sia stata quel male assoluto denunciato dalla Madonna a Fatima, l’ho capito perfettamente dalla vicenda che ha colpito la chiesa di Roma da 70 anni in qua, con i suoi ‘papi’ e i suoi guru alla Bianchi.

    Rispondi
  2. Pingback: Enzo Bianchi, per cui il Dio di Fatima “non è credibile”, è stato silurato con un decreto firmato il 13 maggio – Blog di Scrillo

  3. #Paolo   29 Maggio 2020 at 9:39 am

    Non è credibile l’apparizione di Fatima? E i 70000 (settantamila!) che il 13 ottobre 1917 hanno assistito al miracolo del Sole cosa sono? Tutti ubriachi?

    Rispondi
  4. #Mikhael   29 Maggio 2020 at 1:04 pm

    Mi ricorda la storia che mi narrò un monaco orientale accaduta nella ex Jugoslavia dove un poliziotto comunista bestemmiava e oltraggiava immagini e statue della Madonna.
    Diversi anni dopo perse il controllo della sua motocicletta e trovò la morte andando a schiantarsi su un’edicola votiva dedicata a Maria SS.ma.
    A Bianchi viene concesso altro tempo per convertirsi!

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.