[SPADAMOTORS] Ford Ka (1996)

di Massimo Micaletti

Poche automobili sono state esposte al MoMA di New York: una è la Cisitalia 202, un’opera d’arte figlia di Pininfarina e Vignale; un’altra è la Citroen DS, raffinatissima scultura futurista; un’altra ancora è… la Ford Ka. Appena uscita, nel 1996, questa utilitaria di fortissima personalità divise il pubblico tra chi l’amò a prima vista e chi la considerò uno sgorbio senza mezzi termini.

Con la Ka, Ford inaugura un corso stilistico, chiamato “New Edge“, che segnerà non solo i modelli della Casa americana, ma la gran parte delle auto di grande produzione di tutti i marchi, quantomeno gli occidentali: il New Edge è una simbiosi calcolata di tagli e curve, spigoli e archi che fonde quelle che erano le opposte filosofie stilistiche della linea tesa e della linea morbida. Il tutto, alzando la linea di cintura, ossia quella linea immaginaria che percorre il bordo inferiore del finestrino e dalla quale emerge il volume dell’abitacolo, e mettendo le ruote ai quattro angoli della vettura, per dare un abitacolo più spazioso ed accrescere la stabilità. L’abitacolo non è da meno, con un design avveniristico (anche qui, curve e tagli a volontà) e funzionale. Insomma, la Ka segna una strada che tutti poi più o meno seguiranno e ripropone quel motivo sempre fascinoso nella storia dell’automobile per cui sono le utilitarie, e non le auto di prestigio, ad inaugurare corsi nuovi.

Meccanicamente l’auto è più convenzionale, in nome dell’affidabilità e del contenimento dai costi per quella che dev’essere comunque un prodotto di grandi numeri: anzi, a dire il vero il milletré originale è un po’ vecchiotto e consuma un po’ più del dovuto, in compenso è indistruttibile.

A suo modo, Ford coccola questa macchinetta, con versioni speciali più rifinite (irresistibili quelle col tetto in tela), una sportiva pepatella con un bel millesei (la SportKa) e la graziosa StreetKa, spider a due posti. Oggi la Ka è una vera auto da collezione pur essendo molto economica, un oggetto da usare tranquillamente tutti i giorni con lo sfizio di una linea originale e la certezza di una meccanica a prova di bomba.

Un commento a "[SPADAMOTORS] Ford Ka (1996)"

  1. Pingback: [SPADAMOTORS] Ford Ka (1996) – Blog di Scrillo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.