Immagina a solo scopo illustrativo tratta da: https://catholicfamilynews.com

Nuove dichiarazioni che faranno discutere. Mons. Viganò a tutto campo su tradizione e Concilio (riportiamo alcuni estratti da catholicfamilynews.com).

L’ex nunzio apostolico dice di condividere la posizione ecclesiologica di Mons. Bernard Tissier de Mallerais (ordinato vescovo da Mons. Lefebvre nel 1988), rigettando quindi il sedevacantismo.

Sostiene che la Fraternità Sacerdotale San Pio X meriti riconoscimento per non aver permesso lo spegnimento della fiamma della tradizione (deserves recognition for not having allowed the flame of Tradition to be extinguished) e per essere stata una salutare spina nel fianco della gerarchia modernista (a healthy thorn in the side).

Condona le ordinazioni episcopali del 1988, costate una “scomunica” ai vescovi stessi, in quanto fatte con fini protettivi (to protect herself from the furious attack of the Innovators). Definisce le “scomuniche” più come un atto di persecuzione.

Mons. Lefebvre viene presentato come un confessore esemplare della Fede (an exemplary confessor of the Faith).


Per un buon inquadramento della crisi nella Chiesa e del Vaticano II invitiamo a leggere: