A cosa si riferiva il Segretario di Stato Pompeo quando parlava di una transizione verso un secondo Governo Trump, aggiungendo “la Costituzione è chiara? Difficile dirlo ma è possibile fare un’ipotesi.

In relazione a questo dibattito, volentieri offriamo ai lettori la nostra traduzione dell’articolo di Graham Allison (Douglas Dillon Professor of Government all’Harvard Kennedy School), pubblicato il 6 novembre u.s su nationalinterest.org col titolo Donald Trump’s Stealthy Road to Victory.


Mentre il conteggio dei voti in Arizona, Georgia e in particolare in Pennsylvania continua, la maggior parte della stampa e degli esperti ha concluso che il vicepresidente Biden ha vinto le elezioni del 2020. Certamente, una sostanziale maggioranza di noi soffre di “stanchezza elettorale” ed è ansiosa che questo dramma finisca. Senza essere in disaccordo con la saggezza convenzionale sul conteggio finale quando vengono contati tutti i voti legali, credo che manchi un accenno circa il fatto che Trump ha una seconda strada furtiva, praticabile verso la vittoria. Scommetto a malincuore che il dibattito su chi ha vinto continuerà almeno fino al 6 gennaio, quando le liste dei membri del collegio elettorale saranno aperte a Washington, e molto probabilmente oltre, poiché qualunque cosa venga decisa, verrà impugnata dal perdente alla Corte Suprema. La mia conclusione riflette l’analisi del mio collega dell’Applied History Network presso il Belfer Center che è citato sotto.

Come osserva, questa strada furtiva segue le orme di una serie di precedenti elezioni americane contestate, in particolare le elezioni del 1876 che hanno contrapposto Tilden contro Hayes. Allora come oggi, ogni stato deve decidere su un gruppo di elettori che dovrà incontrarsi in una sessione congiunta del Congresso il 6 gennaio, dove verrà dichiarato il vincitore delle elezioni presidenziali. La pratica normale in uno stato in cui Biden ha vinto il totale del voto popolare sarebbe che i funzionari delle elezioni statali certificassero i risultati e inviassero una lista di elettori al Congresso. Ma i legislatori statali hanno l’autorità costituzionale per concludere che il voto popolare è stato corrotto e quindi inviare una lista di elettori in competizione per conto del loro stato.

Il dodicesimo emendamento alla Costituzione specifica che il “Presidente del Senato, alla presenza del Senato e della Camera dei Rappresentanti, aprirà tutti i certificati e poi i voti saranno conteggiati“. Ciò significa che in caso di controversie su liste elettorali concorrenti, il Presidente del Senato, il Vicepresidente Pence, sembrerebbe avere l’autorità ultima per decidere quali accettare e quali rifiutare. Pence sceglierebbe Trump. I Democratici farebbero appello alla Corte Suprema.

In alternativa, se a quel punto nessun candidato ha i 270 voti elettorali richiesti, il 12 ° emendamento stabilisce: “la Camera dei Rappresentanti sceglierà immediatamente, a scrutinio segreto, il Presidente. Ma nella scelta del presidente, i voti saranno presi dagli stati, la rappresentanza di ogni stato ha un voto”. Attualmente, i repubblicani hanno una maggioranza di delegazioni statali con 26 dei 50 stati e sembrano quasi certi di mantenere quella maggioranza nel nuovo Congresso. Un voto degli Stati eleggerebbe quindi il presidente Trump per un secondo mandato. E ancora, i Democratici si appellerebbero a tale risultato alla Corte Suprema.

Come osserva l’analisi seguente, questi problemi sono ancora più complessi. Ma per ripetere la linea di fondo: sia le parole del 12 ° emendamento che il precedente storico offrono una strada credibile, furtiva e tortuosa che potrebbe portare alla vittoria di Trump e a un secondo mandato. […]

***

Un’elezione contestata favorisce strutturalmente i repubblicani nel 2020.

Prevedo una probabilità del 20% che un risultato elettorale contestato porti alla vittoria del presidente Trump. Mentre il consenso vede la contestazione tramite mezzi costituzionali come una possibilità lontana e remota, uno scenario che invoca il 12 ° emendamento è un percorso più facile per i repubblicani da perseguire rispetto a quello attualmente riconosciuto.

Durante la sua campagna di rielezione, Trump ha costantemente messo in dubbio la legittimità dei voti per corrispondenza, sostenendo che le elezioni saranno “truccate” e “le elezioni più corrotte nella storia del nostro paese”. Questo è molto probabilmente parte di una strategia per preparare il terreno per un risultato contestato.

– Il 1 ° novembre in North Carolina, il presidente Trump ha denunciato le recenti sentenze della Corte Suprema che consentono a stati come la Pennsylvania di continuare a contare i voti dopo il giorno delle elezioni, affermando: “Ce ne andremo […] con i nostri avvocati”.

Cosa più significativa, il presidente Trump ha discusso chiaramente ed è stato informato su una strategia per contestare le elezioni tramite mezzi costituzionali, dicendo in una manifestazione del 26 settembre in Pennsylvania: “E non voglio finire alla Corte Suprema e non voglio nemmeno tornare al Congresso, anche se abbiamo un vantaggio se torniamo al Congresso – lo capiscono tutti? – Penso che sia 26 a 22 o qualcosa del genere perché è stato conteggiato un voto per stato, quindi in realtà abbiamo un vantaggio. Oh, saranno entusiasti di sentirlo”.

Politico riferisce: “In privato, Trump ha discusso della possibilità che anche la corsa presidenziale venga lanciata alla Camera, sollevando la questione con i legislatori del GOP, secondo fonti repubblicane”.

Trump ha ragione: i repubblicani hanno attualmente la maggioranza di 26 delegazioni statali contro le 22 delegazioni statali dei democratici […].

Scenario di esito contestato basato su un risultato della controversia in Pennsylvania

Un’elezione contestata potrebbe coinvolgere i voti elettorali di più stati, ma i 20 voti elettorali della Pennsylvania quasi certamente rientrerebbero in uno scenario del genere.

  • Precedente del 1876: casualmente, nella contestata elezione del 1876 tra il democratico Samuel J. Tilden e il repubblicano Rutherford B. Hayes, il miglior precedente disponibile per una possibile elezione contestata nel 2020 (non l’elezione del 2000), 20 voti elettorali erano in discussione, anche se da quattro stati diversi: tutti gli elettori della Florida, della Louisiana e della Carolina del Sud e un elettore dell’Oregon.
  • Ufficio della Camera dei Rappresentanti: “Sia gli elettori di Tilden che quelli di Hayes hanno presentato i voti di questi tre stati, ciascuno rivendicando la vittoria in elezioni violente e confuse. La Camera controllata dai democratici e il Senato dominato dai repubblicani sono giunti a un compromesso su come risolvere il problema creando una commissione elettorale: un comitato bipartisan di membri della Camera, senatori e giudici della Corte suprema che avrebbe determinato la disposizione finale dei voti elettorali non assegnati … [A partire dal 1 ° febbraio 1877], il Congresso si è riunito in una sessione congiunta 15 volte nel mese successivo, fino a quando, su decisione della commissione, ha assegnato il voto controverso a Hayes, concedendogli la vittoria di un voto”. (La risoluzione è stata decisa tramite un accordo dietro le quinte in cui i repubblicani hanno concordato con i democratici di porre fine alla Ricostruzione in cambio della vittoria alla presidenza).

In un’elezione contestata del 2020, il governatore democratico della Pennsylvania e il legislatore statale repubblicano potrebbero inviare elettori in competizione per essere conteggiati nella sessione congiunta del Congresso del 6 gennaio 2021.

Similmente al 1876, il Senato repubblicano e la Camera democratica sarebbero in disaccordo su quali elettori accettare. Tuttavia, nell’ambiente mediatico del 2020, sarebbe praticamente impossibile per le due Camere del Congresso raggiungere un accordo dietro le quinte per risolvere la loro controversia come accadde nel 1876.

I democratici sosterrebbero che l’Electoral Count Act del 1877 – approvato per evitare una ripetizione del 1876 – favorisce gli elettori certificati dai governatori dello stato; in questo caso, il governatore democratico della Pennsylvania certificherebbe gli elettori che votano per Biden.

I repubblicani, d’altra parte, sosterrebbero che la legge sul conteggio elettorale è incostituzionale, poiché la costituzione consente chiaramente ai legislatori statali di certificare gli elettori; in questo caso, il legislatore statale repubblicano della Pennsylvania certificherebbe gli elettori che votano per Trump.

In base alla Costituzione, non esiste alcun meccanismo per risolvere una controversia in cui le due camere del Congresso non riescano a concordare su un insieme certificato di elettori, e non vi è alcun ruolo costituzionale per i tribunali, inclusa la Corte Suprema.

I repubblicani, supportati da precedenti legali e storici, sosterrebbero che sotto il linguaggio del 12 ° emendamento, che recita: “Il Presidente del Senato, alla presenza del Senato e della Camera dei rappresentanti, aprirà tutti i certificati e le votazioni dovranno poi contarsi“, il presidente del Senato, il vicepresidente Mike Pence, ha la sola autorità per sbloccare una situazione di stallo tra il Senato e la Camera e di accettare o licenziare gli elettori contestati.

Come spiega Edward B. Foley, in uno scenario del genere, “alcuni repubblicani assumono la posizione particolarmente aggressiva secondo cui Mike Pence, in qualità di presidente del Senato, ha l’autorità unilaterale ai sensi del dodicesimo emendamento per decidere quali voti elettorali della Pennsylvania devono essere conteggiati al Congresso e che, di conseguenza, conterà quella dal legislatore statale perché la Costituzione autorizza il legislatore statale a scegliere il metodo di nomina degli elettori. Questi repubblicani sottolineano il pedigree storico di questa posizione, osservando che i repubblicani usarono lo stesso argomento durante le controverse elezioni del 1876 e che almeno alcune recenti riviste giuridiche hanno sostenuto questa posizione. Non imbarazzati dall’apparente conflitto di interessi causato dal fatto che Mike Pence fosse contemporaneamente candidato alla rielezione e arbitro della controversia elettorale, questi repubblicani osservano che Thomas Jefferson si trovava essenzialmente nella stessa posizione durante le controverse elezioni del 1800 e tuttavia il dodicesimo emendamento ha lasciato questa disposizione in vigore quando il Congresso ha successivamente riscritto le procedure per il Collegio elettorale. […]”.

“Questa interpretazione del dodicesimo emendamento è rafforzata, inoltre, dall’ulteriore osservazione che la responsabilità di decidere in via definitiva quali voti elettorali di ogni stato hanno diritto al conteggio, deve essere depositata in ultima analisi in qualche singolare autorità del governo federale. Se un ente potesse decidere la questione in un modo, mentre un altro ente in maniera totalmente diversa, allora ci sarebbe inevitabilmente una situazione di stallo a meno che e fino a quando una singola autorità non si identifichi con quella avente il potere di risolvere la questione una volta per tutte. Dato il linguaggio del dodicesimo emendamento, qualunque sia la sua ambiguità e le potenziali obiezioni politiche, non c’è altra possibile unica autorità da identificare a questo scopo oltre al Presidente del Senato. Questo ruolo avrebbe potuto essere attribuito al giudice capo degli Stati Uniti, in quanto autorità costituzionale volta a presiedere il processo di impeachment del presidente. Oppure controversie di questa natura avrebbero potuto essere deferite direttamente alla Suprema Corte […]. Ma la Costituzione non fa né l’uno né l’altro; né prevede altre disposizioni simili. Quindi, secondo questo argomento, l’inevitabile implicazione del testo del dodicesimo emendamento è che conferisce questa ultima singolare autorità, nel bene e nel male, al presidente del Senato. Soggetto solo al ruolo di osservazione congiunto del Senato e della Camera dei Rappresentanti, il Presidente del Senato decide in modo autorevole […] quali voti elettorali devono “essere conteggiati”.

Il vicepresidente Pence accetterebbe quindi gli elettori presentati dal legislatore repubblicano della Pennsylvania che votano per Trump, o li licenzierebbe come contestati e non li farebbe contare. […]

Se la maggioranza non viene raggiunta, allora in base al 12 ° emendamento “la Camera dei Rappresentanti sceglierà immediatamente, a scrutinio segreto, il Presidente. Ma nella scelta del presidente, i voti saranno presi dagli stati, la rappresentanza di ogni stato ha un voto”. Se i repubblicani mantenessero la loro attuale maggioranza alla Camera di 26 stati tramite delegazione statale, sarebbero quindi in grado in questo scenario di rieleggere il presidente Trump per un secondo mandato.

Il presidente della Camera Nancy Pelosi potrebbe rifiutarsi di partecipare alla sessione congiunta del Congresso del 6 gennaio, ritardando così indefinitamente il processo di cui sopra e, in uno scenario diverso, assumere la presidenza come presidente facente funzione per il 20 ° emendamento […]. Questo darebbe inizio ad una battaglia dal ​​20 gennaio 2021.

Per una descrizione dettagliata di questi scenari controversi, vedere Edward B. Foley, “Preparing for a Disputed Presidential Election: An Exercise in Election Risk Assessment and Management“, 31/8/19, 51 Loyola University Chicago Law Journal 309 (2019), Documento di lavoro sul diritto pubblico dell’Ohio n. 501.

Per distillazioni semplificate di un risultato contestato a favore di Trump, vedere:

Fareed Zakaria, “Trump could stay in power even if he doesn’t win the election. The Constitution allows it”, Washington Post, 24/9/20.

Graham Allison, “Trump Might Not Want to Relinquish Power”, The Atlantic, 7/12/2020


Immagine in evidenza: Foto di kalhh da Pixabay


Per approfondire questioni legate alla politica e alla metapolitica:


Le offerte natalizie di Radio Spada: