Foto dalla fonte (Gloria.tv), ripresa.

La rivoluzione eco-panteista prosegue il suo cammino. Laudato si’, il Sinodo di Pachamama e Querida Amazionia producono i loro frutti: continua la costruzione delle “Cappelle Viventi”. Gloria.tv ci aggiorna sugli sviluppi:

La prima cappella vivente è stata costruita a giugno nei giardini botanici di Roma, come riferisce VaticanNews.va (1° dicembre).

Ciò che VaticanNews.com chiama “cappella” è in realtà un gruppo di alberi piantati insieme a materiali riciclati di natura musicale o architettonica, per esempio tamburi di acciaio.

Le “cappelle viventi” sono sponsorizzate dal Dicastero Vaticano per la Promozione dello Sviluppo Integrale dell’Uomo. Il fine è sostenere la campagna dell’ONU per il ripristino delle foreste e per “ristabilire l’armonia tra il Creatore, l’umanità e tutte le creature,” spiega il coordinatore del progetto, don Joshtrom Kureethadam.

Tali “cappelle” ora sono anche a Venezia e a Romblon (Filippine), ne verranno costruite anche nel Sahel e nell’Amazzonia ecuadoriana.