da fsspx.news

È giusto, Fratelli miei, che celebriate l’avvento di Nostro Signore con tutta la devozione possibile, che una tale grande consolazione vi riempia di felicità, che una tale grande grazia vi riempia di stupore e che tanta carità vi accenda d’amore
Ma non pensate solo al suo primo avvento, quando è venuto a cercare e salvare ciò che era perduto, ma pensate anche al secondo, quando verrà a portarci con sé. Ah! Vorrei vedervi infinitamente impegnati a meditare su questi due avventi, a rimuginare nelle vostre anime il pensiero di tutto quello che ha fatto nel primo e di tutto quello che promette nel secondo. Mi piacerebbe vedere addormentarvi nella meditazione di questa doppia eredità. Sono le due braccia dello Sposo, in cui si è riposata la Sposa quando ha detto: “La sua mano sinistra è sotto la mia testa e mi abbraccia con la sua mano destra” (Ct 2, 6). Infatti, “nella sua mano sinistra, come si legge altrove, stanno la ricchezza e la gloria; e nella destra, la lunghezza dei giorni” (Pv. 3, 16).
Così nella sua mano sinistra ci sono ricchezza e gloria; avete sentito, figli di Adamo, razza ambiziosa e avida? Perché vi preoccupate delle ricchezze della terra e della gloria temporale, che non sono né vere né vostre? Cosa sono l’oro e l’argento? Non sono forse della terra rossa e della terra bianca, che solo l’errore degli uomini rende, o piuttosto, considera preziose? Le vere ricchezze quindi non consistono in tesori ma in virtù, perché è solo questo che la coscienza porta con sé e che la rende ricca per sempre.

C’è un terzo avvento che sta tra i due di cui abbiamo parlato, ed è in questo che coloro che lo conoscono, riposano felici.
Gli altri due [avventi] sono visibili, il terzo no. Nel primo avvento, Gesù Cristo apparve sulla terra e conversò con gli uomini; questo fu il tempo in cui, secondo la sua stessa testimonianza, “lo videro e lo hanno odiato” (Gv 15,24). Ma nell’ultimo “ogni uomo vedrà il Salvatore mandato da Dio” (Lc 3, 6), e coloro che lo crocifissero potranno contemplarlo (Gv 19, 37). Quello nel mezzo è segreto, è quello in cui solo gli eletti vedono il Salvatore dentro di loro, e le loro anime sono salvate.
Nel primo avvento, Gesù Cristo venne nella nostra carne e nella nostra debolezza; in quello che si trova nel mezzo, viene in spirito e verità; e nell’ultimo apparirà nella sua gloria e nella sua maestà. Ma è grazie alla virtù che si arriva alla gloria, secondo quanto è detto: “Il Signore Onnipotente è Egli stesso il Re della gloria” (Sal 23:10), e ancora secondo queste altre parole dello stesso Profeta: “Affinché io possa contemplare la tua potenza e la tua gloria” (Sal 63, 3). Il secondo avvento è quindi come la via che porta dal primo al terzo. Nel primo, Gesù Cristo è la nostra redenzione; nell’ultimo sarà la nostra vita, e in quello nel mezzo, affinché possiamo dormire tra le sue due eredità, si trovano il nostro riposo e la nostra consolazione.

Non pensiate che quello che vi sto dicendo sulla venuta di mezzo sia un’invenzione da parte mia.
Ascoltate, infatti, quello che dice il Signore stesso: “Se uno mi ama, conserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo in lui” (Gv 14,23).
Ma cosa intende con queste parole: se qualcuno mi ama, conserverà la mia parola? Ho letto altrove che “chi teme Dio farà buone opere” (Eccles. 15, 1). Ora, c’è qualcosa di più qui per chi lo ama, perché si dice che conserverà la sua parola. Ma dove la conserverà? Non c’è dubbio che sia nel suo cuore, come ha detto il Profeta: “Ho nascosto le tue parole nel profondo del mio cuore, affinché non ti offenda” (Sal 118, 11).
Ma come manterrà queste parole nel suo cuore? Basta conservarle nella memoria? A coloro che le mantengono così, l’Apostolo dirà più tardi: “La scienza gonfia” (1 Cor. 8, 1). Inoltre, la dimenticanza cancella rapidamente ciò che abbiamo affidato alla memoria. Quindi conservate la parola di Dio nello stesso modo in cui sapete come conservare il nutrimento del corpo con maggior successo, perché questa parola stessa è un pane di vita, il vero nutrimento dell’anima. Ora, il pane conservato nella greppia può essere preso da un ladro, mangiato dai topi o rovinato dal tempo. Se lo mangiate, sfugge a tutti questi pericoli. Ebbene, osservate la parola di Dio allo stesso modo, perché siamo benedetti quando la osserviamo (Lc 11:28). Affidatela dunque al ventre della vostra anima, se così posso dire, e trasmettetela ai vostri affetti e ai vostri costumi.

L’Avvento alla scuola di San Bernardo (1)
L’Avvento alla scuola di San Bernardo (2)
L’Avvento alla scuola di San Bernardo (3)
L’Avvento alla scuola di San Bernardo (4)
L’Avvento alla scuola di San Bernardo (5)