La minestrina leggera al formaggio di Santa Ildegarda è una deliziosa minestra che, oltre al groviera e alla panna, contiene anche un altro ingrediente fondamentale della cucina ildegardiana: la farina di farro spelta.

Leggendo gli ingredienti di questa minestra ero rimasta un po’ perplessa riguardo alla dicitura “leggera”, dato che il formaggio e la panna sono alimenti piuttosto calorici. Però, Santa Ildegarda ci spiega che la funzione principale del cumino è proprio quella di rendere il formaggio più digeribile e non quella di dare sapore al piatto. Infatti, dice la Santa: “Chi vuole mangiare il formaggio cotto o fritto deve cospargerlo di cumino, in modo da evitare dolori di stomaco.” Per Santa Ildegarda, il latte, e anche il burro e il formaggio che derivano dal latte di mucca, possono essere mangiati tranquillamente in quantità, caldi o freddi, sia dai sani che dagli ammalati.

La ricetta della minestrina leggera al formaggio è tratta dal libro “Hildegard von Bingen. Ricette per il Corpo e per l’Anima” di Eve Landis.

DOSI: 4 persone

DIFFICOLTA’: Bassa

PREPARAZIONE: 15 minuti

COTTURA: 25 minuti

COSTO: Medio

INGREDIENTI:

  • 1 cucchiaio di burro
  • 3 cucchiai di farina di farro spelta
  • 600 ml di brodo vegetale
  • 200 ml di vino bianco
  • 100 g di groviera
  • 100 ml di panna fresca liquida
  • Sale q.b.
  • Pepe bianco q.b.
  • 1 pizzico di cumino

PREPARAZIONE:

Per preparare la minestrina leggera al formaggio di Santa Ildegarda, per prima cosa fate sciogliere il burro in una pentola e lasciatevi soffriggere brevemente la farina.

Poi stemperate con il brodo ed il vino e mescolate.

Quindi, insaporite con sale, pepe e cumino.

A questo punto, mettete il coperchio e lasciate cuocere il tutto a fuoco lento per 15 minuti.

Poi grattugiate finemente il formaggio e aggiungetelo alla minestra, mescolando con una frusta fino a quando si sarà sciolto completamente.

Prima di servire, montate la panna a neve ferma e aggiungetela alla minestra.

Alla prossima ricetta,