Per approfondire sul piano storico la questione del conflitto nel Vicino Oriente rimandiamo al sito delle Edizioni Radio Spada. Traduciamo e riadattiamo di seguito alcuni estratti dell’articolo In Gaza, tiny Catholic community tries to stay in touch during airstrikes di ncronline.org. Immagine in evidenza dalla stessa fonte, citata da Catholic News Service.


Dall’inizio dell’11 maggio, le bombe israeliane sono cadute intorno alla scuola delle Suore del Rosario a Gaza, che ha subito danni da leggeri a moderati all’interno e all’esterno del complesso, inclusi la porta d’ingresso e i pannelli solari usati per l’elettricità.

“E’ terribile; dalle 5 (di oggi) del mattino (ci sono stati dei bombardamenti) dietro e nella nostra scuola”, ha detto a Catholic News Service in una telefonata WhatsApp il 12 maggio suor Nabila Saleh, preside della scuola. Si sentirono le bombe esplodere in sottofondo e, udibilmente sconvolta, Saleh non poté continuare l’intervista.

A causa dell’epidemia e del Ramadan, la scuola è stata chiusa da metà aprile e solo all’inizio di maggio.

P. Gabriel Romanelli della parrocchia della Sacra Famiglia a Gaza ha detto il 12 maggio a CNS che, in due giorni, 45 persone, tra cui 14 bambini e tre donne, sono state uccise a Gaza. Trecento persone sono state ferite, ha detto.

Romanelli ha detto di aver lasciato il complesso parrocchiale la mattina presto per fare i 10 minuti di auto verso le Suore del Rosario per valutare i danni e celebrare la Messa con loro, ma non è stato in grado di partire per otto ore a causa dei bombardamenti incessanti intorno alla zona, dove si trovano molti edifici governativi. Non appena è tornato in parrocchia, le suore gli hanno detto che i bombardamenti erano ricominciati.

[…]

“La situazione è molto brutta. Cerchiamo di incoraggiare i nostri parrocchiani e chiediamo loro di restare sereni e in pace, di trovare gioia nel dolore. Inviamo loro messaggi edificanti per vivere con pazienza e carità nella vita”, ha detto il sacerdote. “Ci sono momenti di ansia … le persone sono chiuse, notte e giorno, con i bombardamenti. I bombardamenti colpiscono tutto: il respiro, i nervi. C’è una sensazione di impotenza e a volte questo provoca violenza. Ma le persone qui sono brave e pazienti. “

L’appartamento di una famiglia parrocchiale è stato danneggiato; Le finestre sono state fatte saltare, i detriti erano sparsi in tutto l’appartamento e un enorme cratere era davanti al loro edificio, ha detto Romanelli.

La parrocchia si sta organizzando per vedere come potrebbe aiutare la famiglia – una coppia e il loro figlio – per qualsiasi bisogno spirituale e materiale che possano avere. Ha detto che i sacerdoti si sono offerti di far dormire la famiglia nella parrocchia, ma la famiglia ha deciso di rimanere nella loro casa e coprire le finestre con la plastica fino a quando non possono essere riparate.

I bambini stanno sviluppando problemi comportamentali, ha detto Romanelli. “La guerra è un trauma, e se solo un’esplosione può cambiare una vita, puoi immaginare che stamattina abbiamo avuto dozzine di esplosioni. È qualcosa che può rompere un muro; pensa a un bambino e quanto sono fragili”, ha detto. “Colpirà i loro cuori, i loro nervi, i loro occhi. Colpisce gli esseri umani. Non è solo il momento dell’attacco, ma sono le conseguenze che rimangono”.