I. Glorioso S. Antonio, che, nato sotto la protezione di Maria, nell’età di cinque anni a lei dedicaste il giglio della vostra verginità, ed, imprimendo col dito nel marmo una croce, fugaste il demonio; impetrate a noi tenera devozione a questa Madre pietosa, e forza a superare le insidie dell’infernale nemico.
Pater, Ave, Gloria.

II. Glorioso Santo, che, per fuggire i pericoli e le lusinghe del mondo, sprezzando la nobiltà, le ricchezze, i comodi della vita, entraste fra i canonici regolari di S. Agostino, impetrate a noi un vero disprezzo del mondo.
Pater, Ave, Gloria.

III. Glorioso Santo, che, per desiderio del martirio, passaste nella Religione del serafico S. Francesco, impetrate a noi lo spirito di mortificazione e di penitenza.
Pater, Ave, Gloria.

IV. Glorioso Santo, che, per sentimento di profonda umiltà, studiaste di nascondervi agli occhi degli uomini, mentre Iddio in un istante vi fece palese a tutti quale arca di scienza e di santità, otteneteci la pratica di una sì bella virtù.
Pater, Ave, Gloria.

V. Glorioso Santo, che, destinato da Dio a spargere la sua parola, foste da lui fornito del dono della lingua e dei più sorprendenti miracoli, impetrateci di ascoltar volentieri e con frutto questa parola divina.
Pater, Ave, Gloria.

VI. Glorioso Santo che, per l’ardente vostra carità verso Dio, meritaste ricevere fra le vostre braccia il Bambino Gesù, otteneteci che con le dovute disposizioni lo riceviamo noi pure, sacramentato, nel nostro petto.
Pater, Ave, Gloria.

VII. Glorioso Santo che, a confusione degli eretici, comprovaste la presenza reale di Gesù Cristo nella Santissima Eucarestia, avendolo miracolosamente in essa fatto adorare da un vile giumento, otteneteci che noi pure lo adoriamo con viva fede in questo divin Sacramento.
Pater, Ave, Gloria.

VIII. Glorioso Santo che, rifiutandosi gli uomini di ascoltare una volta dalla vostra bocca la divina parola, a scorno degli eretici, chiamati i pesci delle marine acque, loro predicaste, impetrateci perfetta sommessione d’intelletto alle divine verità.
Pater, Ave, Gloria.

IX. Glorioso Santo che, ai vostri devoti impetrate la liberazione da angustie, da calamità, da malattie, perfino dalla stessa morte, ottenete a noi la liberazione dai mali del corpo e dell’anima, e dalla morte eterna.
Pater, Ave, Gloria.

X. Glorioso Santo che, come protettore della innocenza faceste parlare un bambino di pochi giorni, perché fosse salvo l’onore della propria madre esposta a grandi sventure, fate che noi possiamo star forti contro le persecuzioni del mondo, e custodire solleciti la purità dell’anima nostra.
Pater, Ave, Gloria.

XI. Glorioso Santo che, predicando in Padova, per gran prodigio, vi trovaste ad un tempo stesso in Lisbona per liberare il vostro genitore da orrenda calunnia e dalla morte, otteneteci di perdonare di cuore le ingiurie e di amare i nostri nemici.
Pater, Ave, Gloria.

XII. Glorioso Santo che, con le vostre orazioni, col vostro zelo, e con la vostra celeste sapienza convertiste migliaia di eretici e peccatori ostinati, fate che noi ancora ci convertiamo davvero, e ci doniamo costantemente a Dio.
Pater, Ave, Gloria.

XIII. Glorioso Santo che, ad imitazione del Redentore, consumaste la vostra vita per la salute delle anime, fate che noi meritiamo, alla fine dei nostri giorni, di vedere Gesù come lo vedeste voi nell’atto di spirare, e di essere salvi con voi nel cielo.
Pater, Ave, Gloria.

Si quæris miracula
mors, error, calamitas,
dæmon, lepra fugiunt,
ægri surgunt sani.

Cedunt mare, vincula,
membra, resque perditas
petunt, et accipiunt
juvenes, et cani.

Pereunt pericula,
cessat et necessitas;
narrent hi, qui sentiunt,
dicant Paduani.

Cedunt mare …

Glória Patri et Filio
et Spíritui Sancto.

Cedunt mare …


Antiphona: O proles Hispaniæ, pavor infidelium, nova lux Italiæ, nobile depositum urbis Paduanæ; fer, Antoni, gratiæ Christi, Patrocinium, ne pro lapsis veniæ tempus breve creditum defluat inane.


V. Ora pro nobis, beate Antoni
R. Ut digni efficiamur promissionibus Christi.

Oremus.
Ecclesiam tuam, Deus, beati Antonii Confessoris tui atque Doctoris commemoratio votiva lætificet, ut spiritualibus semper muniatur auxiliis et gaudiis perfrui mereatur æternis. Per Christum Dominum nostrum. Amen.

Bartolomè Esteban Murillo, Sant’Antonio e il Bambino Gesù, 1668-1669, Museo di belle arti, Siviglia
[fonte wikimedia.org]