La vellutata di zucchine di Santa Ildegarda è una crema facile e veloce da preparare, ideale da mangiare anche in estate, fredda o a temperatura ambiente. Si tratta di una zuppa leggera che contiene pochissima panna, che potete anche omettere per ottenere un piatto più dietetico.

Per fare questa vellutata ho utilizzato per la prima volta la galanga, una pianta proveniente dall’Asia orientale che appartiene alla stessa famiglia dello zenzero ed è presente in tante ricette della Santa medioevale.

La galanga ha un effetto antispasmodico, antinfiammatorio e antibatterico. Per Santa Ildegarda “la galanga è completamente calda. Non contiene alcuna freddezza ed ha un grande potere. Una persona con febbre alta beva della galanga in polvere, disciolta in acqua di fonte, e la febbre passerà. Chi avesse un accumulo di cattivi umori nella schiena e nei fianchi, faccia bollire della galanga nel vino e lo beva frequentemente: il fastidio passerà. Se una persona ha dolore al petto (cuore) e respiro corto e affannoso, assumendo della galanga starà subito meglio”.

La ricetta è tratta dal libro “Le ricette della gioia con Santa Ildegarda” di Daniel Maurin e Jany Fournier- Rosset. La ricetta originale prevedeva la menta ma, dato che mi fa venire mal di stomaco, l’ho sostituita con il prezzemolo.

DOSI: 4 persone

DIFFICOLTA’: Bassa

PREPARAZIONE: 15 minuti

COTTURA: 20 minuti

COSTO: Medio

INGREDIENTI:

  • 1 kg di zucchine
  • 3 cucchiai di olio
  • 1 cucchiaio di panna fresca liquida
  • 1 l di acqua
  • Galanga q.b.
  • Prezzemolo tritato (o menta) q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

PREPARAZIONE:

Per preparare la vellutata di zucchine di Santa Ildegarda, per prima cosa lavate e mondate le zucchine, dopodiché tagliatele a rondelle spesse.

Poi fatele rosolare per qualche minuto in un tegame con l’olio caldo, mescolando con un cucchiaio di legno.

Quindi, salate, pepate e aggiungete la galanga. A questo punto, aggiungete l’acqua e fate cuocere per 15 minuti.

Poi passate con il mixer, fino ad ottenere una crema omogenea.

Al momento di servire, aggiungete la panna e spolverizzate con il prezzemolo (o la menta).

Alla prossima ricetta,