Sia chiaro: i precedenti in campo di comunioni blasfeme non mancano. Da Ratzinger che pone l’eucarestia sulle mani del para-protestante Fr. Roger Schutz fino a Bagnasco con Luxuria, il circo neomodernista ha già dato orrendo spettacolo.

Qui però – in piena coerenza con la dinamica rivoluzionaria – si fa il “passetto” in più. Il capolavoro di ambiguità nelle dichiarazioni di Bergoglio è veramente raro, con una sottile confusione sul significato profondo di “ebreo” (mescolando le accezioni in senso religioso, etnico, storico, ecc) e con una doppiezza speciale nel mettere insieme una cosa che “non si può fare” identificandola allo stesso tempo come un “premio”. Non parliamo poi del tutto e del suo contrario che si incontra nelle righe successive sull’aborto: non abbiamo nemmeno cuore di riportare, ma è facile immaginare. In poche parole: il regno del caos, cui ormai siamo abituati.

Lasciamo ogni giudizio al lettore (grassettature nostre), l’intervista è riportata da Il Sole 24 Ore:


In Usa c’è stato tra i vescovi una discussione sul dare la comunione ai politici che hanno sostenuto le leggi sull’aborto, altri che vogliono negare comunione al presidente. Come vescovo ha pubblicamente rifiutato l’eucaristia a qualcuno?

Non ho mai rifiutato l’eucaristia a nessuno, non so se è venuto qualcuno in queste condizioni! Questo da prete. Mai sono stato cosciente di avere avuto davanti a me una persona come quella che lei mi descrive. L’unica volta che ho avuto una cosa simpatica è stata quando sono andato a servire messa in una casa di riposo, ero nel salotto, e ho detto: chi vuole la comunione? Tutti i vecchietti hanno alzato la mano. Una vecchietta ha alzato la mano ha preso la comunione e ha detto: ‘Grazie, sono ebrea’. E io: ‘Anche quello che ti ho dato è ebreo!’. La comunione non è premio per i perfetti – pensiamo al giansenismo – la comunione è un dono, un regalo, è la presenza di Gesù nella Chiesa e nella comunità. Poi, coloro che non stanno nella comunità non possono fare la comunione, come questa signora ebrea, ma il Signore ha voluto premiarla a mia insaputa.

Sipario.



Seguite Radio Spada su:


Immagine in evidenza: Di Mondarte – Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=56454986″>Opera propria</span>, CC BY-SA 4.0, Collegamento