Dopo La chiesa nascente. Persecuzione e trionfo, La vittoria sul paganesimo, la lotta alle eresie, l’ordine monastico, Il pensiero di S. Agostino, la forza del Primato Romano, la nascita dell’Islam, con grande piacere presentiamo ai lettori il IV volume della Storia universale della Chiesa scritta dal Card. Hergenröther, questo quarto libro ha come titolo La Chiesa educatrice nella società medievale e l’Impero carolingio, ma ovviamente parla anche di molto altro. Di seguito la nostra presentazione, cliccare sul link per vedere l’indice completo e le altre informazioni.


Nota delle Edizioni Radio Spada

Se si possono evidenziare alcuni meriti, tra i tanti, di questo volume dell’Hergenröthersono quelli della franchezza e della lucidità. Lungi dal proporre una storia romantica ededulcorata della parte del Medioevo che arriva fino all’XI secolo, si tratteggiano sine ira et studio le difficoltà, i punti dolenti, le eccentricità. Il tutto senza tacere le glorie della Chiesa, le grandi realizzazioni del pensiero cristiano, l’avanzamento della vita spirituale, con un equilibrio che fugge conformismi e comodi silenzi. 

Colpisce la serenità con cui il cardinale affronta quel secolo oscuro o, come preferisce chiamarlo, secolo di ferro che investì al tempo il Papato: «Con la morte di Formoso incomincia un’era di profonda depressione per la Sede romana, quale né prima né poi fu veduta», scrive l’Hergenröther, felicemente ignaro di ciò che avrebbe determinato – doposolo qualche decennio – la diffusione dellapeste neomodernista.

Degno di particolare menzione anche il capitolo sullo scisma di Fozio, così importante per comprendere le fratture che ancora oggi dilaniano la Cristianità. Ricchi e affascinanti gli approfondimenti sul monachesimo, sull’Impero in Occidente, sui rapporti con l’Oriente: emerge in maniera nitida il ruolo della Chiesa vivificatrice, educatrice, protagonista – coi suoi uomini migliori – di tanti snodi della storia. 

Le Edizioni Radio Spada, come nei volumi precedenti, hanno fatto alcuni interventi per aggiornare il linguaggio, semplificare le note e rendere più agevole la lettura. I capitoli iniziano, anche qui, subito con il testo e non con le note bibliografiche ulteriori che si trovano nell’edizione originale: la scorrevolezza viene premiata, a fronte – in ogni caso – di un consistentissimo apparato di riferimenti esterni ritrovabile alla fine.

Siamo dunque lieti di consegnare al pubblico questo libro, certi che il frutto derivante dalla consultazione non mancherà. Ed è proprio con le parole della parte finale del capitolo sul secolo oscuro che auguriamo a tutti buona lettura, aggiungendo un auspicio speciale che va oltre queste pagine: 

«Anche allora vi aveva tuttavia delle anime forti, che valevano a imprimere un nuovo impulso: ed anche alla Sede di Pietro doveva pur venire l’aiuto, quantunque solo a poco a poco, per vie straordinarie e in modo transitorio. Roma, allora avvilita a capitale di un piccolo principato, doveva riprendere a mano a mano l’antica sua dignità di capitale del mondo e la sua sublime missione».

>>> La Chiesa educatrice nella società medievale e l’Impero carolingio <<<