L’inizio dei caldi veri e propri segna altresì l’inizio dell’orrore etico ed estetico della moda estiva, che ci perseguiterà per mesi in una escalation di scandalo, malizia e più banalmente cattivo gusto. Proviamo ad elencare le 10 bestialità, brutte moralmente ma anche intollerabili alla vista, che la moda femminile sfoggia con la scusa del caldo, e proviamo poi a fornire 12 (anzi 14) idee alternative.

  1. Anzitutto e in generale, la nudità di ciò che non deve essere scoperto. Nulla può giustificare schiene e pance al vento, cosce di fuori, terga in mostra: né la temperatura, né l’età, né la comodità, né l’informalità del contesto, a meno che si sia in spiaggia.
  2. I leggins al posto dei pantaloni. Non andrebbero bene nemmeno i pantaloni, ma uscire in leggins è sostanzialmente come uscire nudi.
  3. Gonne e pantaloni bianchi semitrasparenti, con intimo in bella vista.
  4. Canottiere.
  5. Pantaloncini.
  6. Shorts, ossia aggeggi ancora più corti dei pantaloncini. Ambedue i generi sono immorali e, se non siete Gigi Hadid, orribili. E restano immorali anche se siete Gigi Hadid.
  7. Crop top che non coprano almeno l’ombelico.
  8. Vestitini attillati e improbabili per la sera (ma anche per il giorno).
  9. Minigonne (specie nelle bimbe, con la scusa che “sono creature innocenti”). La minigonna modesta non esiste, o meglio esiste e non è mini, si chiama gonna.
  10. Questa non è immorale, ma sicuramente un insulto al buon gusto: l’infradito di gomma in città.

Ok, sei la solita rompiscatole, mi direte: come dobbiamo vestirci in estate, di grazia? Da quaccheri o da taliban? Come evitare che le nostre figlie vengano canzonate dai compagni perché troppo coperte rispetto al resto della comitiva?

Premesso che non ci si può vestire in modo immorale, neppure se l’alternativa fosse la derisione universale, c’è sicuramente modo e modo di coprirsi, e come accennato sopra è assai probabile che il giusto abbigliamento modesto sia anche molto più bello, valorizzante ed elegante delle altre opzioni.

Tutte le idee che trovate qui sotto uniscono comodità e praticità, quindi anche freschezza e igiene, al decoro e alla modestia.

1. La gonna ad A sotto al ginocchio

Fresca, intramontabile, in mille modelli, fantasie e colori. Se chiara, verificate che non sia trasparente in controluce.

https://roolee.com/products/for-her-boxy-top

2. Il vestito in cotone fantasia Vichy

Il materiale e la fantasia sono estivi per eccellenza.

http://rover.ebay.com/rover/1/711-53200-19255-0/1?ff3=4&pub=5575594524&toolid=10001&campid=5338694909&customid=01&mpre=https://www.ebay.com/sch/i.html%3F_nkw%3Dclothing

3. La soluzione d’emergenza: il pareo/sarong

Doveroso investimento per l’estate in spiaggia: due o tre sarong in vari colori, per non allontanarsi mai dal lettino in maniera inadeguata (come dice il vecchio saggio, sì alla battigia, no alla battona).

https://www.pinterest.it/pin/253890497731917750/

4. Il vestitino con bretelline da riciclare con una maglietta o camicia sotto

Avevamo già affrontato qui e qui il tema del “riciclo” intelligente del vestiario immodesto, questo è un esempio.

http://couturezilla.com/best-way-layer-midi-dress-shirt-sneakers/

5. La maxi camicia

Sciolta o con cintura a seconda del tenore, della fisicità e delle vostre preferenze.

https://www.pinterest.it/pin/253890497731902865/

6. La maxi gonna

Non è estate senza maxi gonna, adatta (a seconda del modello e del tessuto) sia a contesti eleganti e alle cerimonie, sia a tutti i giorni.

https://www.floryday.com/booking/?mid=1289317&utm_source=Pinterest&utm_medium=post&utm_campaign=%257EFD%257E_US%2520EN%2520FC%25200220YS

7. L’abito di lino

Croce e delizia di chi non ama stirare, il lino a seconda della lavorazione può essere un tessuto molto pesante o molto leggero e tale versatilità spiega in parte anche la sua preziosità (e il costo). Se potete investire, è un ottimo materiale su cui puntare.

8. Il maxi vestito bohémien

Se come me aspettate da mesi l’occasione per sfoggiarlo, è giunto il suo momento.

9. L’abito maglietta (meglio se a righe)

Riservato a contesti informali poiché molto sportivo, va scelto di colori accesi o scuri per scongiurare un po’ l’effetto “camicia da notte”.

10. La gonna pantalone / culotte

Avevamo già trattato del tema pantalone (scontentando tutti) qui e lo ribadiamo: esso è da evitare come la peste, a meno che le sue caratteristiche lo rendano sostanzialmente modesto come una gonna o un abito.

11. I wrap pants o pantapareo

Una originale alternativa al solito pareo, indicato anche per contesti come feste in spiaggia o in piscina, grigliate ecc.

12. Gli harem pants

Derisi da tutti perché sono brutti: ah, sarete belli voi. In compenso sono freschi e non segnano la figura, e sono adeguati anche in montagna, come ben sanno i randonneurs sfattoni di mezza Europa.

E per voi, qual è la tenuta estiva modesta ideale? Come vi regolate perché in famiglia nessuno rischi d’essere indecente? Scrivetelo nei commenti!


Seguite Radio Spada su: