Nota di RS: con questo articolo continua la rubrica “Thesaurus Linguae Latinae” in Radio Spada con articoli e componimenti esclusivamente in lingua latina. Ringraziamo Simone Petrus Basileus I.G. che la cura con assiduità, alternandosi ad altri impegni all’interno della casa editrice. Ci sembra assolutamente logico e naturale che un blog cattolico romano integrale ospiti scritti nella lingua universale della Roma dei Papi, di quella Roma “onde Cristo è romano”. Questa volta Simone ci presenta la traduzione latina, a moì di esercizio stilistisco, di una notissima poesia di un rinomato poeta otttocentesco marchigiano: Giacomo Leopardi, figlio dell’assai più amato e da noi apprezzato Monaldo. (Piergiorgio Seveso – presidente di Radio Spada SQE)

Mihi semper carus hic collis fuit desertos

atque haec saepes quam ab ultima estremae caeli parte

uisus non uidet. At consideo admirorque:

longius illam incredibilia silentia

atque quietem ima mente me fingo,

ubi paulum horrescit animos.

Ceu has in arbores sonare auram audiam

sic illum immensum silentium existimo

et mihi in mentem ueniunt aeternitas

et morta tempora et hoc vivus tempus et illius puellae vox.

Tandem meae hac in magnitudine cogitationes submergerint,

sed mihi hoc in mari naufragium suavest.

Fonte immagine: https://cultura.biografieonline.it/

Seguite Radio Spada su: