Notizie Pascendi esce quando è possibile: si tratta di un’iniziativa che non è e non vuole essere regolare. Spera di essere tagliente e puntuale, non seriosa.

  • Non abbastanza. Annota Paul Derogis (Medias.presse.info) su Attal, nuovo primo ministro francese “omo”: “Il nuovo Primo Ministro non è un “buon” gay perché la sua omosessualità è “non sovversiva”. Un’attivista “non binaria” dichiara sul suo account TikTok: “È un’omosessualità completamente nascosta, senza pretese. Dobbiamo capire che gli omofobi che sciamano a destra e all’estrema destra sono molto, molto d’accordo con l’omosessualità come Gabriel Attal!». In breve, il Primo Ministro non piace agli attivisti LGBT più radicalizzati che sostengono che la sua omosessualità verrebbe sfruttata politicamente dal governo per legittimare una politica “razzista, liberticida e antidemocratica”. In nome delle lotte intersezionali dei decostruttori care a Sandrine Rousseau, esiste il rifiuto dei “gay bianchi” in nome della lotta contro l’omofobia inclusiva […]. Quindi, un consiglio al piccolo Gabriel che è troppo bianco e non abbastanza gay: qualunque cosa facciate, ricordatevi che se una persona pura trova sempre una persona più pura che la purifica, una persona radicalizzata troverà sempre una persona più radicalizzata che vuole la sua rovina”.
  • Scrive Lifesitenews che Kamala Harris incolpa Trump per il ribaltamento della Roe v. Wade (ovvero per il pronunciamento della Corte Suprema che capovolge lo storico verdetto): “Le donne soffrono in silenzio” senza aborto. Che dire? Poverine, volevano abortire con l’appaluso.
  • Titola il Corriere: “«Fleximan», tredicesimo autovelox segato, la resa dei sindaci: «Li togliamo. I cittadini esultano, vanno ascoltati»”. Si aggiunge nel testo: “E con questo sono tredici. Quindici se entrano nella lista anche i due autovelox di Cadoneghe che però non erano stati «segati» ma fatti saltare con spari ed esplosivo. Fleximan, l’uomo, o il gruppo di uomini, che ha deciso di abbattere gli autovelox del Veneto con un flessibile, ha messo a segno un altro colpo […]. Dice la presidente della Federazione dei Comuni del Camposampierese, di cui fa parte il Comune di Villa del Conte. «Non credo che lo reinstalleremo […] in quella stessa strada ce n’è già un altro, e poi dobbiamo tenere conto anche del dissenso delle persone, se c’è chi arriva a tanto non possiamo ignorarlo». Ci stanno dicendo che l’unico modo per farsi ascoltare è dotarsi di flessibili e motoseghe? Interessante.
  • False soluzioni e vero intrattenimento. Nel libro Parole chiare sulla Chiesa. Perché c’è una crisi, dove nasce e come uscirne c’è un’ampia sezione dedicata alle false soluzioni alla crisi ecclesiale in corso. Sono passati 114 giorni dall’uscita dei dubia cardinalizi per l’ultimo Sinodo: qualcuno ha notizia di qualche risultato? Lo stesso giorno pubblicavamo questo articolo Sinodo: arrivano i dubia. Botta e risposta tra cardinali e Bergoglio. Ecco 4 motivi per cui c’è poco da entusiasmarsi. Non avevamo la sfera di cristallo ma non era difficile fare previsioni. Ah, a proposito di previsioni, “profezie” e false soluzioni: il Grande Prelato? Che fine ha fatto? Sembrava questione di poco, no? Si sarà perso tra un’apparizione a Flavia Vento e una puntata di Red Ronnie in cui si parla di rettiliani. Poco male.
  • Si è conclusa ieri con buon successo la promozione del volume XI della Storia universale della Chiesa (Card. Hergenröther) La fondazione della massoneria, il febronianesimo, la soppressione dei Gesuiti: ora resta disponibile a condizioni normali.

Seguite Radio Spada: