Il “nuovo Padre Nostro” entra ufficialmente nel Messale da Pasqua

Il “nuovo Padre Nostro” entra ufficialmente nel Messale da Pasqua

Da “non indurci in tentazione” a “non abbandonarci alla tentazione“. La riforma – introdotta nella Bibbia CEI 2008 sotto Benedetto XVI – è stata estesa da Francesco. E da Pasqua 2020 entrerà ufficialmente nel Messale. Anticipa all’AdnKronos Mons. Bruno Forte, arcivescovo di Chieti-Vasto e teologo (modernista-progressista) fra i più influenti in Vaticano: “Il Messale con […]

“Una cosa è essere indotto in tentazione e un’altra essere tentati” (S. Agostino)

“Una cosa è essere indotto in tentazione e un’altra essere tentati” (S. Agostino)

a cura di Giuliano Zoroddu Sulla questione della fantomatica problematicità della traduzione della sesta petizione del Pater noster vogliamo pubblicare un ultimo commento, questa volta tratto dal “De sermone Domini in monte” di sant’Agostino. La sesta domanda è: Non ci immettere nella tentazione (Mt 6, 13). Alcuni manoscritti hanno: Indurre, che ritengo abbia il medesimo […]

San Tommaso ci spiega il “non ci indurre in tentazione”

San Tommaso ci spiega il “non ci indurre in tentazione”

a cura di Giuliano Zoroddu Abbiamo già presentato la infallibile spiegazione che la Santa Madre Chiesa dà della sesta petizione del Pater noster in riferimento agli eventuali problemi che potrebbero sorgere dal “non ci indurre in tentazione”. Vogliamo però fornire ai nostri lettori anche la lezione di san Tommaso d’Aquino, essendo questi il Dottore comune […]

Il falso problema della traduzione del Pater. La spiegazione del Catechismo Tridentino

Il falso problema della traduzione del Pater. La spiegazione del Catechismo Tridentino

a cura di Giuliano Zoroddu “E non c’indurre in tentazione”. Suona cosi la traduzione italiana della sesta petizione del Pater noster a cui tutti siamo abituati, ma non va più bene! A dirlo, sebbene ultimo in ordine di tempo, è Papa Bergoglio, che intervistato da don Marco Pozza per la trasmissione “Padre nostro” su Tv2000 […]